Home Bologna La Polizia di Stato controlla le stazioni ferroviarie dell’Emilia Romagna

La Polizia di Stato controlla le stazioni ferroviarie dell’Emilia Romagna

1 arrestato, 32 denunciati e oltre 2.700 persone controllate. Decine di grammi di sostanza stupefacente sequestrata, 15 violazioni amministrative elevate di cui 9 in materia di sicurezza ferroviaria. Sono questi i risultati dell’attività del Compartimento Polizia Ferroviaria dell’Emilia Romagna, nella settimana appena trascorsa, che ha visto impegnati sull’intero territorio regionale centinaia di operatori della Specialità, sia in uniforme che in abiti civili, che hanno vigilato sulla sicurezza dei viaggiatori presenti nelle principali stazioni e a bordo dei treni.

Il 22 ottobre, gli agenti della Polizia ferroviaria dell’Emilia Romagna sono stati impegnati nella 4^ giornata dell’operazione “Rail Safe Day”. L’iniziativa, disposta su tutto il territorio nazionale dal Servizio di Polizia Ferroviaria, ha permesso, ad oltre 130 tra uomini e donne della Polfer, di effettuare dei controlli straordinari per impedire il verificarsi di tutti quei comportamenti anomali ed impropri, quali l’indebita presenza di persone sulle linee ferrate o nei pressi di passaggi a livello, il superamento della “linea gialla” nelle stazioni, l’incauto attraversamento dei binari, la realizzazione dei pericolosissimi “selfie” in linea, che, in alcune situazioni, sono sfociati in eventi tragici.

Grazie ad un’accurata indagine della Squadra Giudiziaria di Bologna, è stato rintracciato e arrestato un 33enne kosovaro, autore di numerosi acquisti effettuati con carte di credito rubate. Le indagini sono scattate dopo che una donna ha denunciato il furto del portafoglio ed ha segnalato l’uso fraudolento della propria carta di credito, consentendo così ai poliziotti di ricostruire i movimenti della carta ed individuare gli esercizi commerciali dove era stata utilizzata. L’uomo è stato fermato quando si è recato in una tabaccheria di Bologna dove nei giorni scorsi aveva già effettuato diversi acquisti fraudolenti, ma questa volta ha trovato ad accoglierlo gli agenti della Polfer che l’hanno riconosciuto, arrestato e condotto in carcere in attesa dell’udienza di convalida.

Sempre a Bologna, i poliziotti del Settore Operativo, durante un controllo all’interno della stazione, hanno fermato un giovane 22enne felsineo, che, alla richiesta dei documenti di identità, ha risposto alle domande troppo nervosamente, tanto che gli agenti hanno ritenuto di effettuare un controllo più approfondito. Negli Uffici di Polizia il ragazzo è stato trovato in possesso di decine di grammi di marijuana ed hashish, confezionata in più dosi di diverse dimensioni. All’esito della successiva perquisizione domiciliare sono stati trovati altrettanti quantitativi di sostanza stupefacente. Tutto è stato sottoposto a sequestro e il ragazzo è stato denunciato.

Gli agenti Polfer di Porretta Terme hanno controllato e fermato un uomo che poco prima aveva rubato, all’interno del bar della stazione, 150 euro ed una bottiglia di vino. Accompagnato in ufficio, seppure palesemente ubriaco, l’uomo durante gli accertamenti ha tentato di fuggire cercando di riappropriarsi dei soldi rubati, opponendosi al controllo di Polizia ed arrivando fino al punto di mordere al braccio uno dei poliziotti. Bloccato dagli agenti, l’uomo è stato poi denunciato per furto e resistenza a Pubblico Ufficiale e rilasciato.

Articolo precedenteCovid, SLC ER: domani diretta Fb della tavola rotonda “Le proposte legislative per la tutela dei lavoratori dello spettacolo”
Articolo successivoLa Regione recepisce il nuovo Dpcm che prevede il 75% di lezioni alle superiori in modalità didattica a distanza