Home Ambiente Calderara sempre più “led city”: partono i lavori nel centro città

Calderara sempre più “led city”: partono i lavori nel centro città

L’intero territorio di Calderara sarà illuminato con apparecchi a led. La seconda fase del progetto che porterà alla creazione di una “led city” è stata avviata, con l’affidamento dei lavori che interesseranno il centro della città e partiranno a breve. Sostituiti i vecchi apparecchi pubblici di Lippo e Longara, con un lavoro compiuto tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, ora è la volta della zona centrale della città: piazza 2 Agosto, le vie Bazzane, Aldo Moro, Roma, dello Sport, Armaroli, Pierantoni, Verdi, Grandi e le aree verdi di queste ultime due strade. Inoltre verranno creati dei nuovi punti luce, oggi inesistenti, che illumineranno a Tavernelle parte dello svincolo stradale verso via Saletta. Anche piazza Marconi, in cui sorge il Municipio, sarà interamente a led.

La seconda tranche di interventi, che donerà alle vie interessate apparecchi più performanti e di ultima generazione, costerà come la prima 140 mila euro. Si tratta opere di riqualificazione ai fini dell’efficientamento energetico, che permetteranno una riduzione sia dei punti di luce già esistenti sia dei consumi, con un risparmio che sfiorerà il 70%. Dispositivi più moderni e illuminanti e soprattutto green, che consentiranno da un lato di risparmiare e dall’altro di rispettare le norme sull’inquinamento luminoso e i dettami dei Cam (criteri ambientali minimi). Questi nuovi apparecchi più rispettosi dell’ambiente prenderanno il posto degli attuali a vapori di sodio ad alta pressione con un risparmio energetico notevole: il 68% in meno.

Il commento del sindaco Giampiero Falzone tocca i punti strategici dell’intervento, ossia il risparmio e il rispetto dell’ambiente: “Con questo secondo intervento, proseguendo la strada intrapresa col primo, puntiamo a un importante risparmio energetico, in linea con tutte le azioni intraprese sinora dall’Amministrazione. Anche questa seconda tranche sarà importante per la sicurezza urbana, visto che la nuova pubblica illuminazione a led consentirà di migliorare la visibilità notturna in alcuni punti critici e di abbattere l’inquinamento luminoso”. Il Vicesindaco e Assessore ai Lavori Pubblici Luca Gherardi si sofferma su un altro aspetto: “Questo intervento non solo prosegue nella strada verso l’obiettivo del risparmio energetico, ma interviene anche, è il caso di Tavernelle, ad illuminare arterie stradali rendendole più sicure”.

 

Articolo precedenteSabato la presentazione del libro di Simonetta Mariani “Era mio padre”
Articolo successivoProtocollo anti Covid per le palestre sassolesi