Home Bassa modenese Comitato No Bretella: “Il partenariato pubblico-privato per rinnovare la concessione dell’A22 è...

Comitato No Bretella: “Il partenariato pubblico-privato per rinnovare la concessione dell’A22 è una soluzione fumosa”

“Come è noto il rinnovo della concessione della A22 e la realizzazione della Bretella Campogalliano Sassuolo e dell’autostrada Cispadana sono fortemente connesse perché le due nuove infrastrutture, oltre ad essere dannose per l’ambiente e non utili a dare risposte ai problemi di mobilità dei territori interessati, sono anche economicamente insostenibili, con piani economici finanziari basati su flussi di traffico ampiamente sovrastimati – afferma una nota del Comitato No Bretella – Si Mobilità Sostenibile – Di qui la necessità per Autobrennero S.p.a, il maggior azionista delle due società che hanno vinto le gare dei due nuovi tratti autostradali di poter contare sugli utili derivanti dalla concessione dell’A22. Il rinnovo senza gara è però impedito da una precisa direttiva europea”.

“Qualche settimana fa – prosegue la nota – il presidente Bonaccini in una intervista riportata da alcune fonti giornalistiche ha dichiarato che la soluzione trovata per rinnovare senza gara la concessione della A22 era un partenariato pubblico-privato dove, con la formula del progetto di finanza, si affida ad Autobrennero così come è (con i privati dentro) la gestione della A22 e, contemporaneamente, la realizzazione della Cispadana, la Campogalliano Sassuolo, la terza corsia di A22.

Nell’intervista Bonaccini inoltre sosteneva: “Adesso il Governo dovrebbe firmare un decreto che permetterà l’affidamento attraverso un project financing e questo permetterebbe all’A22 a quel punto» di andare a realizzare la bretella che collega Campogalliano a Sassuolo. Abbiamo avuto rassicurazioni dalla presidenza del consiglio e dai ministeri competenti. (…). La firma è in capo al Governo appena firma il decreto la cosa è definitivamente risolta”.

Come Comitato No Bretella abbiamo segnalato le dichiarazioni del presidente della Regione all’onorevole Rossella Muroni di FacciamoEco e vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera che, con i colleghi Fioramonti, Fusacchia, Cecconi e Lombardo, ha presentato un interrogazione ( https://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=5/06783&ramo=CAMERA&leg=18 )per chiedere al Ministro delle infrastrutture e mobilità sostenibili se è a conoscenza delle dichiarazioni del presidente Bonaccini e “nel caso quale sia la posizione del Governo; se intenda chiarire nel dettaglio questa nuova soluzione giuridico amministrativa il cui fine parrebbe essere quello di confermare Autobrennero gestore della A22, evitando in questo modo la gara internazionale o la liquidazione dei partner privati presenti nella società.

Inoltre, “quale sia la posizione del Governo sulla realizzazione della bretella autostradale Campogalliano Sassuolo e se non intenda invece valutare la possibilità di adottare iniziative per spostare i fondi statali disponibili per questa opera su un nuovo concreto progetto di mobilità sostenibile in linea con le sfide di oggi e del Piano nazionale di ripresa e resilienza” conclude il Comitato No Bretella – Si Mobilità Sostenibile.

Articolo precedenteMattarella “Risparmio delle famiglie contribuirà alla ripartenza”
Articolo successivoPrevisioni meteo Emilia Romagna, venerdì 22 ottobre