Home Reggio Emilia Funghi, da lunedì 27 settembre aperti i punti di controllo micologico dell’Ausl

Funghi, da lunedì 27 settembre aperti i punti di controllo micologico dell’Ausl

Funghi, inizia la stagione della raccolta. Da lunedì 27 settembre sono aperti i punti di controllo micologico dell’Ausl. La tanto sospirata pioggia è arrivata e con essa il periodo di fioritura dei funghi spontanei che richiama gli appassionati raccoglitori nei boschi ricchi di tante varietà. Purtroppo però non tutte le specie micologiche sono commestibili: a volte alcune tossiche o velenose somigliano a quelle che si possono mangiare e possono confondere il raccoglitore poco esperto, trasformando una gustosa pietanza in un rischio per la salute.

L’Ispettorato micologico, operante all’interno del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL di Reggio Emilia, ha quale compito fondamentale la tutela della salute della popolazione per gli aspetti legati al consumo di funghi nell’ambito del controllo ufficiale sulla sicurezza alimentare. Tra le specifiche attività svolte, riveste un ruolo di primaria importanza quella di riconoscimento di commestibilità dei funghi raccolti dal cittadino per autoconsumo. La commestibilità di un fungo infatti può essere stabilita solo dopo una corretta identificazione cioè quando a quel fungo si arriva a dare il nome scientifico a cui corrisponde un giudizio di commestibilità / non commestibilità / tossicità.

A partire dal 27 Settembre e fino al 29 Novembre un micologo dell’Ispettorato micologico del Dipartimento di Sanità pubblica sarà presente in orari e giornate definite in alcune sedi Ausl per assicurare ai cittadini la possibilità di far riconoscere i funghi freschi spontanei raccolti a scopo di autoconsumo.

Ecco le sedi:

  • Reggio Emilia, via Amendola, 2 – Padiglione Ziccardi, Lunedì e Mercoledì dalle ore 14 alle ore 16;
  • Castelnovo Monti, via Boschi, 4 – Palazzina Dipartimento di Sanità Pubblica, Lunedì e Venerdì dalle ore 8.30 alle ore 10.30;
  • Scandiano, via Martiri della Libertà, 8 – Palazzina Servizi Territoriali, Martedì e Giovedì dalle ore 14 alle ore 16.

E’ importante che i funghi sottoposti a visita siano presentati in contenitori rigidi e areati (cestini od analoghi contenitori); freschi, non congelati o scongelati, non essiccati, non diversamente conservati; interi, non recisi o tagliati, non spezzettati, non lavati, comunque privi di parti essenziali al riconoscimento; sani ed in buono stato di conservazione (non parassitati, non ammuffiti, non fermentati, non fradici, non eccessivamente maturi); puliti da terriccio, foglie e/o altri corpi estranei; provenienti da aree non sospette di esposizione a fonti di inquinamento chimico o microbiologico (ad es: vicinanza a strade ad intenso traffico, stabilimenti industriali, inceneritori, frutteti e/o colture trattate con antiparassitari, parchi cittadini).

Infine è bene sapere che i funghi messi in commercio o utilizzati per la somministrazione in pubblici esercizi devono essere preventivamente controllati e certificati dall’Ispettorato Micologico dell’Azienda Usl o da altro micologo iscritto all’albo nazionale e regionale. Su ogni singola cassetta o altro tipo di espositore contenente i funghi deve essere presente uno specifico cartellino attestante l’avvenuto controllo del micologo. Per questa certificazione è necessario prendere appuntamento telefonando: sede di Castelnovo Monti: 0522 617340; sede di Reggio Emilia: 0522 335457; sede di Scandiano: 0522 850356. I funghi devono essere: posti in cassette od altri imballaggi idonei al contatto con alimenti e contenenti una sola specie fungina; freschi, interi, in buono stato di conservazione; puliti da terriccio, foglie ed altri corpi estranei. La vendita di funghi spontanei può avvenire in negozi al chiuso o in aree mercatali in sede fissa. E’ vietata invece la vendita di funghi spontanei in forma itinerante.

Si informa che nell’ambito della fiera di San Michele di Castelnovo ne’ Monti, in programma per le giornate del 25/26/27 Settembre, l’ispettorato micologico sarà presente per informare i cittadini nella sala del Caffè del Teatro Bismantova, in via Roma 75.

Articolo precedenteCovid, dall’inizio della pandemia 180 mila contagiati sul lavoro
Articolo successivoProvincia di Modena, lavori in tangenziale Rabin