Home In evidenza Reggio Emilia Due giovani ricercatori di Unimore hanno vinto la competizione internazionale MEC Hackaton...

Due giovani ricercatori di Unimore hanno vinto la competizione internazionale MEC Hackaton 2020

MEC hackaton è una competizione internazionale organizzata all’interno della conferenza DroidCon Italy, in cui squadre di sviluppatori e ricercatori creano applicazioni software per dispositivi mobili nel contesto di servizi innovativi avanzati per reti 5G abilitate alla tecnologia MEC (Multi-access Edge Computing). DroidCon Italy, organizzata da Synesthesia (https://synesthesia.it/), è alla sua settima edizione e ha visto oltre 4000 partecipanti seguire le presentazioni di oltre 350 relatori provenienti da tutto il mondo.

I vincitori dell’edizione 2020 sono il Dott. Marco Picone e il Dott. Stefano Mariani, entrambi ricercatori del Dismi appartenenti al Distributed and Pervasive Intelligence Group (http://dipi.unimore.it) coordinato dai Proff. Franco Zambonelli e Marco Mamei.

Selezionati da una giuria internazionale hanno presentato e sviluppato un progetto ideato per offrire a cittadini e amministratori locali informazioni in tempo reale e geo-localizzate sullo stato del traffico cittadino quali previsione di code, percorsi alternativi, disponibilità di parcheggi, incidenti, sfruttando i servizi offerti dalla tecnologia MEC (Mobile-Edge Computing) su reti 5G, tecnologia che consente di eseguire calcoli complessi e comunicazioni a distanza su dispositivi mobili quali smartphone.

“Siamo sempre molto contenti – dichiara il Prof. Franco Zambonelli di Unimore – quando i nostri ricercatori si distinguono. E in questo caso specifico io e il collega Marco Mamei siamo particolarmente soddisfatti che due nostri giovani ricercatori, Picone e Mariani, abbiano ottenuto questo risultato in totale autonomia e grazie soltanto alla loro personale intraprendenza”.

Il progetto dei due ricercatori di Unimore sarà candidato come Intel Early Innovation Project, programma di supporto alla ricerca che prevede l’opportunità di ricevere fondi per strumentazione tecnologica per l’ulteriore sviluppo del progetto e altre forme di supporto per start up. I vincitori saranno candidati a prendere parte all’Intel Software Innovator program, pensato per dare voce e presentare al pubblico innovazioni tecnologiche in ambito di sviluppo software e potranno partecipare allo Smart Road Project presso la Città di Torino, che tramite un consorzio di compagnie automobilistiche, operatori di rete, università e la città stessa, mira a sviluppare e testare soluzioni innovative in merito alla mobilità urbana.

Stefano Mariani

È ricercatore presso il DISMI di Unimore e docente di Fondamenti di Informatica nel corso di laurea in Ingegneria Gestionale. Ha conseguito il Dottorato in Ingegneria Informatica presso l’Università di Bologna, dove ha inizialmente lavorato anche come ricercatore. Laureato in Ingegneria Informatica presso l’Università di Bologna, è autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali. Ha pubblicato studi monografici e organizzato conferenze internazionali. I suoi interessi di ricerca riguardano i modelli di coordinazione in sistemi distribuiti, le tecnologie orientati agli agenti software, sistemi socio-tecnici, apprendimento autonomo e Internet of Things.

Marco Picone

È ricercatore presso il DISMI di Unimore e docente del corso Intelligent Internet of Things nel Corso di Laurea in Ingegneria Informatica di Unimore (sede di Mantova). Ha conseguito con Lode la Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica e il Dottorato in Tecnologie dell’Informazione presso l’Università degli Studi di Parma. La sua attività di ricerca riguarda principalmente sistemi distribuiti con particolare attenzione all’Internet of Things in architetture Edge e Cloud. È autore di numerose pubblicazioni e articoli scientifici su riviste nazionali ed estere ed ha partecipato all’organizzazione di conferenze e workshop internazionali