Home Motori Ferrari Portofino M, evoluzione della Spider Gt

Ferrari Portofino M, evoluzione della Spider Gt

MARANELLO (ITALPRESS) – Presentata la Ferrari Portofino M, evoluzione della spider GT 2+ del Cavallino Rampante, la Ferrari Portofino. La première della vettura ha seguito un innovativo format online, una prima assoluta negli oltre 70 anni di storia della Casa di Maranello: al termine di un percorso ideale di avvicinamento composto da alcune newsletter dedicate inviate nelle scorse settimane, i clienti del marchio hanno potuto accedere a una piattaforma contenente video esclusivi che illustrano il concept della vettura, il suo rinnovato design e i suoi contenuti tecnici principali. La Portofino M è la prima Ferrari a essere presentata a seguito del periodo di chiusura aziendale dovuto alla diffusione di Covid-19. La vettura è quindi anche il simbolo dell’inizio di un viaggio di riscoperta.
Le novità tecniche non mancano di certo a questa nuova evoluzione della Ferrari Portofino: tra di esse spiccano il rinnovato gruppo motopropulsore, il nuovissimo cambio a otto rapporti e il Manettino a cinque posizioni con modalità ‘Racè, prima assoluta per le spider GT della Casa di Maranello. A livello di Powertrain, il motore da 3.855 cm3, appartenente alla famiglia di turbo 8 cilindri a V, è stato ottimizzato al fine di erogare 620 cv a 7500 giri/min., venti cavalli in più rispetto alla Ferrari Portofino. Il cambio a otto rapporti, completamente riprogettato rispetto alla precedente trasmissione a sette marce e per la prima volta installato in una vettura a tetto aperto del Cavallino Rampante, si basa su un’architettura a doppia frizione in bagno d’olio i cui ingombri sono stati ridotti del 20%, mentre la coppia trasmessa è aumentata del 35%. Dal punto di vista della dinamica, la maggiore innovazione della vettura è l’introduzione del manettino a cinque posizioni. L’obiettivo è quello di estendere le già ottime prestazioni di handling e trazione della Ferrari Portofino grazie all’aggiunta della modalità ‘Racè: tale posizione, supportata dall’attività del Ferrari Dynamic Enhancer, è focalizzata principalmente alla massimizzazione del piacere di guida della vettura. La notevole evoluzione tecnologica viene evidenziata visivamente anche dal rinnovato design dell’anteriore e in particolare dei paraurti, il cui carattere è più sportivo e aggressivo. La vettura rappresenta il progresso ideale della Ferrari Portofino, da cui si differenzia per le maggiori doti di handling e il carattere più sportivo pur mantenendo il comfort di bordo grazie anche ad alcuni nuovi contenuti disponibili su richiesta tra cui sistemi Adas e sedili ventilati e riscaldati. La Ferrari Portofino M è l’unica a potersi definire vera coupè a tetto chiuso e vera spider a tetto aperto, grazie alla tecnologia Retractable Hard Top (RHT), marchio di fabbrica delle cabrio del Cavallino Rampante. Le dimensioni compatte la rendono adatta all’utilizzo in ogni contesto.
(ITALPRESS).

Articolo precedenteSuzuki presenta Swace, la station wagon ibrida
Articolo successivoCoronavirus, aggiornamento (16/9): su oltre 10mila tamponi 106 nuovi casi positivi in regione. Nessun decesso