Home Reggio Emilia Reggio Emilia: il Centro per la Salute della Famiglia Straniera trasloca in...

Reggio Emilia: il Centro per la Salute della Famiglia Straniera trasloca in viale Risorgimento

Centro per la Salute della Famiglia Straniera, da martedì 15 settembre gli ambulatori saranno trasferiti da Viale Monte San Michele, 8/a a viale Risorgimento, 80. I nuovi locali predisposti per le attività socio sanitarie sono situati all’interno dell’area Santa Maria Nuova, nella Palazzina H al piano rialzato, con ingresso da viale Risorgimento.

 

Non varia invece la sede ambulatoriale gestita dalla Caritas che resta in via Adua, 83. Il trasloco si rende necessario per motivi di utilizzo di spazi e per il miglioramento dei servizi da garantire (rispetto norme COVID, tutela della salute della donna e dei minori).

I riferimenti di posta elettronica del servizio rimarranno invariati stranieri@ausl.re.it e PEC: salutestranieri@pec.ausl.re.it così come i riferimenti di posta individuali degli operatori. Sono invece modificati tutti i numeri di telefono fissi che sostituiranno gli attuali e in particolare quello della segreteria. Per tre mesi un risponditore automatico segnalerà il cambio di sede e di numero di telefono. Il nuovo numero di riferimento è 0522-295441 (attivo dal 15 settembre). Rimane invariato il numero di cellulare del Centro Stranieri: 331 3050238.

Gli ambulatori di Viale Monte San Michele restano chiusi per trasloco dal 10 al 14 settembre. Nella nuova sede le modalità di accesso e le giornate di attività degli ambulatori non subiranno modifiche. Resterà la possibilità dell’accesso diretto, ma nel rispetto delle norme di sicurezza anti COVID è previsto un numero programmato di visite al giorno.

CENTRO PER LA SALUTE DELLA FAMIGLIA STRANIERA cosa è

Con riferimento alla normativa Nazionale del 1998 (Testo Unico dell’Immigrazione e successive Integrazioni e modifiche) e alle disposizioni regionali in materia di Garanzia di accesso alle cure per persone con fragilità (cronicità, stranieri, disabilità, ecc.), nel territorio reggiano sono presenti due ambulatori per attività socio sanitarie rivolte a persone straniere non iscrivibili al Servizio Sanitario Nazionale.

 

Articolo precedenteIn Emilia-Romagna si mangia ‘Pane e internet’: riprende online, gratuito e aperto a tutti, il progetto di alfabetizzazione della Regione
Articolo successivoArceto: prove di fattibilità per la rotatoria tra via per Scandiano e via San Luigi