Home Cronaca Luzzara, prima le informazioni stradali poi la rapina del Rolex: due le...

Luzzara, prima le informazioni stradali poi la rapina del Rolex: due le persone denunciate

Si trovava nei pressi dell’abitazione, intento a recuperare il bidone della raccolta differenziata, quando è stato avvicinato da una sconosciuta. Dapprima la richiesta di un’informazione stradale e quando l’uomo si è fermato la ragazza, che aveva ben visto il costoso orologio che il malcapitato portava al polso, lo ha abbracciato sfilandogli con violenza un Rolex del valore di 5.000 euro. Orologio in mano la donna balzava su di una Citroen C3 condotta da un complice, a bordo della quale i due si dileguavano. All’uomo, un pensionato 83enne di Luzzara, con il polso dolorante e sanguinante chiamava il 112 denunciando la rapina.

Sul posto intervenivano i carabinieri di Luzzara che raccolti i primi elementi, tra cui la targa parziale dell’auto fornita da un testimone, avviavano le indagini assicurando i soccorsi all’anziano che riportava una prognosi di 8 giorni dai sanitari dell’Ospedale di Guastalla per una ferita cutanea con perdita di sostanza. Grazie agli elementi acquisiti, incrociati con i video dei varchi comunali visionati dai carabinieri, si risaliva all’esatta targa dell’auto risultata fittiziamente intestata a un italiano, proprietario di ben 84 autovetture. Nel proseguo delle indagini i carabinieri accertavano che l’auto il 16 agosto di quest’anno, ovvero il giorno prima della rapina compiuta a Luzzara, era stata fermata nel ravvenate. Alla guida un 21enne rumeno con una connazionale 21enne, entrambi senza fissa dimora, su cui si indirizzavano le attenzioni investigative dei carabinieri. A carico dei due i militari di acquisivano incontrovertibili elementi di responsabilità, tra cui la certa identificazione in apposita seduta di individuazione fotografica da parte dell’83enne, che riconosceva nella donna la responsabile della pretestuosa richiesta di informazioni stradali, seguita dalla rapina del costoso Rolex. I due  venivano quindi denunciati alla Procura reggiana con l’accusa di furto con strappo.