Home Motori Honda presenta la versione 2021 della CRF450R

Honda presenta la versione 2021 della CRF450R

ROMA (ITALPRESS) – Honda presenta la versione 2021 della CRF450R registra un’ampia serie di miglioramenti e aggiornamenti, all’insegna del concetto di sviluppo “Razor-sharp Cornering”, ovvero straordinaria agilità in curva. La moto è stata completamente aggiornata in ogni sua parte a eccezione dei cerchi e del basamento, attingendo direttamente al know-how acquisito con lo sviluppo della CRF450RW con cui Tim Gajser e il Team HRC si sono aggiudicati il campionato Mondiale MXGP 2019.
Innanzitutto, pesa 2 chili in meno grazie al telaio e al telaietto posteriore, entrambi rivisitati. Il bilanciamento della rigidità del telaio e del forcellone, la geometria del telaio più ristretta, la maggiore distanza da terra e gli aggiornamenti alle sospensioni sono tutti elementi finalizzati a conseguire prestazioni ottimali in curva. Anche il motore sfrutta il know-how HRC, ponendo un forte accento sulla coppia ai bassi e medi regimi. Il decompressore è stato riposizionato, il volume dell’air box è stato aumentato, il corpo farfallato è stato riprogettato e i condotti di scarico sono stati rimodellati. L’impianto di scarico è completamente nuovo e presenta ora un singolo silenziatore. Una frizione con nuova configurazione e con un inedito comando idraulico permette un’azione sulla leva ancora più leggera. Altri dettagli che contribuiscono a ridurre il peso includono una pompa carburante più piccola e un coperchio della testata ottimizzato in magnesio. Anche i nuovi componenti delle sovrastrutture sono più leggeri e sottili per offrire al pilota una maggiore libertà di movimento, mentre la sella è più stretta e più bassa nella parte posteriore. Una nuova veste grafica completamente rossa completa il sostanziale aggiornamento della CRF450R. Il controllo di trazione HSTC che equipaggia la CRF450R lavora per minimizzare lo slittamento della ruota posteriore in accelerazione e massimizzare quindi le doti di trazione della moto. Non sfrutta sensori di velocità delle ruote e mantiene un’eccellente sensazione di controllo sul comando del gas. Il suo funzionamento avviene ritardando l’accensione e riducendo l’iniezione di carburante quando vengono rilevati cambi eccessivamente repentini nel regime di rotazione, incompatibili con la possibilità di una effettiva spinta in avanti. Tre livelli, o modalità, possono essere scelti dal pilota in base alle necessità e condizioni del tracciato. Confermato anche il sistema di selezione mappe motore Honda EMSB (Engine Mode Select Button) che consente al pilota di adattare in modo istantaneo le caratteristiche di erogazione del motore alle condizioni del tracciato.
(ITALPRESS).

Articolo precedenteAudi SQ7 e SQ8 Tfsi, varianti high performance suv d’alta gamma
Articolo successivoCoronavirus, aggiornamento (17/8): 41 nuovi casi positivi, 12 collegati a rientri da fuori regione. Zero decessi