Home Bassa reggiana Controlli dei N.A.S. in ristoranti e circoli della bassa reggiana: sequestrati prodotti...

Controlli dei N.A.S. in ristoranti e circoli della bassa reggiana: sequestrati prodotti alimentari scaduti

I Carabinieri del NAS di Parma, nell’ambito dei servizi rivolti a garantire la sicurezza alimentare e il rispetto delle norme anti-Covid hanno proceduto, unitamente ai carabinieri della compagnia di Guastalla, al controllo ed ispezione igienico sanitaria di alcuni ristoranti e circoli della bassa reggiana con il fine precipuo di assicurare il rispetto delle norme igienico-sanitarie ed amministrative e quelle concernenti l’osservanza delle norme anti-Covid.

In un circolo i militari del Nucleo Antisofisticazione e Sanitaria di Parma unitamente ai colleghi dell’Arma territoriale di Guastalla hanno accertato irregolarità. In particolare nel corso dei controlli, i militari operanti hanno rinvenuto e sequestrato amministrativamente una decina di chili di prodotti alimentari vari (pasta ripiena, gelati confezionati e impasto per tigelle) rinvenuti in parte privi di qualsiasi indicazione (specie, tipologia, data di confezionamento e scadenza, lotto ecc…) ed in parte con data di scadenza decorsa di validità. Inoltre, sono state rilevate carenze igienico sanitarie dovute alla presenza di sporco diffuso, ragnatele e, nel locale adibito a deposito, promiscuità di alimenti e bevande con materiale vario (attrezzi da lavoro ecc.).

Per quanto concerne le misure di contenimento nell’ambito dell’emergenza sanitaria covid-19, è stata verificata la presenza di 6 avventori in più (a fronte della capienza massima  di 50 avventori, stabilita dal gestore per favorire il distanziamento sociale), rilevando una collocazione dei tavoli non sufficiente a mantenere il distanziamento sociale, con conseguente assembramento. Ai sensi delle vigenti normative è stata applicata la sanzione accessoria della sospensione dell’attività per gg. 5 (cinque). I generi alimentari scaduti sono stati sequestrati mentre al titolare sono state comminate sanzioni per oltre 3.000 euro.