Home Politica Ciclopedonale via Regina Pacis-Vittime 11 Settembre e progettazione progettazione su via Respighi...

Ciclopedonale via Regina Pacis-Vittime 11 Settembre e progettazione progettazione su via Respighi in Consiglio

La terza interrogazione discussa nel corso del Consiglio Comunale di ieri sera era a firma dei consiglieri Capitani e Lenzotti del Partito Democratico ed aveva ad oggetto “Percorso ciclopedonale di collegamento tra via Regina Pacis e via Vittime 11 Settembre: qual è lo stato di avanzamento dei lavori?”

“Si interroga il Sindaco e la Giunta – recita l’interrogazione – per conoscere l’esito delle verifiche effettuate sulla documentazione presentata dalla ditta per la stipula del contratto; se è stato firmato lo stesso e se è stato dato inizio ai lavori; quale il cronoprogramma e il tempo utile per ultimare tutti i lavori compresi nell’appalto (fissato in novanta giorni naturali consecutivi decorrenti dalla data del verbale di consegna dei lavori)”.

 

Ha risposto all’interrogazione il Sindaco Gian Francesco Menani.

“Le verifiche sono state effettuate dalla Centrale Unica di Committenza dell’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico, cui è stato affidato l’espletamento della gara d’appalto, ed hanno avuto esito positivo; il contratto è stato firmato in data 18/12/2019 ed è stato dato inizio ai lavori il 03/03/2020; in considerazione della sospensione lavori resasi necessaria ai fini del contenimento del contagio da Covid-19 il nuovo termine per l’ultimazione dei lavori è il 28/08/2020”.

*****

 

La quarta ed ultima interrogazione discussa nel corso del Consiglio Comunale di ieri sera era a firma dei consiglieri Mesini, Lenzotti e Savigni del Partito Democratico ed aveva ad oggetto “Quale progettazione è in campo su via Respighi?”.

“L’area vede la presenza di due palazzi – recita l’interrogazione –  il civico 75 e il civico 46, che – svuotati – sono stati inseriti nel piano delle alienazioni. Il civico 75 è stato messo all’asta dalla Giunta Pistoni il 18 gennaio 2019, nell’ambito delle procedure previste dal concordato preventivo; il civico 46 è stato recentemente venduto, essendo ancora inserito nel piano delle alienazioni. Si interroga il Sindaco per conoscere quali sono i progetti residenziali in corso sull’area e di che natura sono; se – in seguito alle vendite – con la proprietà che ristrutturerà e metterà sul mercato gli appartamenti, sono stati presi accordi che prevedano di destinare una parte degli appartamenti ad usi sociali e ad affitto concordato e garantito dal comune per famiglie in difficoltà, e se sì in quale percentuale rispetto alla totalità delle unità immobiliari; se si ritiene indispensabile favorire interventi di elevata densità abitativa in quartiere già altamente popolato; se alla luce dei nuovi interventi sono state svolte valutazioni per garantire adeguati servizi come ad esempio i parcheggi, già oggi limitati; se, anche in considerazione della vendita del secondo edificio, si intenda mettere in campo azioni e progettualità che vadano nella direzione già avviata negli anni passati, per il sostegno alla vita del quartiere promuovendo le attività socioeducative e associazionistiche legate al quartiere. Se sì, in che modo?”

 

Ha risposto all’interrogazione il Vicesindaco Camilla Nizzoli.

“L’immobile di via Respighi 75, di proprietà di Sgp, è stato alienato in data 4.09.2019, nell’ambito delle procedure messe in atto dal liquidatore giudiziale Avv. Vecchi, mentre per quanto riguarda l’immobile di via Respighi 46 è già stata approvata l’aggiudicazione definitiva, a seguito di bando, a favore di Fondamenta srl e sono in corso le attività necessarie per fissare a breve la data del rogito. Circa le domande riguardanti i progetti residenziali sull’area di via Respighi, è stata approntata dall’ufficio casa una convenzione non ancora stipulata. Tale convenzione è all’esame dell’amministrazione e dei soggetti coinvolti e riguarda una convenzione sociale per l’assegnazione e la gestione di alloggi in housing sociale per la locazione a canone calmierato e cessione a prezzi convenzionati di cui al D.M. 22.04.08 in attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa previsto dal D.p.C.M. 16.07.09 con riferimento all’immobile sito in Via Respighi 75. Dalla convenzione si evince che l’immobile di via Respighi 75, venduto da SGP a Lori Costruzioni a seguito dell’intervento di ristrutturazione, sarà trasferito a Investire sgr e gestito secondo alcuni criteri concordati con il Comune di Sassuolo. Si tratta di convenzione simile ad agenzia casa, ma per una fascia un po’ più alta e volta a favorire il mercato della locazione. S’intende riservare al Comune alcuni alloggi in locazione da utilizzare come agenzia casa, in un numero massimo di 4 appartamenti su 24. Tali appartamenti non andranno a implementare il numero di appartamenti in agenzia casa che attualmente è di ca. 60, ma in sostituzione di appartamenti ritenuti meno idonei e oltre a questi occorre ricordare a tal proposito, che il Comune di Sassuolo conta inoltre un patrimonio di oltre 480 appartamenti di Edilizia residenziale pubblica. Ulteriori valutazioni relative all’immobile di via Respighi 46 sono in corso, tenuto conto che le procedure di trasferimento non sono ancora giunte a conclusione in quanto l’emergenza covid19 ha dilatato i tempi di stipula e consegna del bene al soggetto aggiudicatario. Il rogito è comunque previsto in tempi brevi.

Quanto alla necessità di nuovi parcheggi giova ricordare che entrambi gli immobili sono dotati di garage pertinenziali e giova altresì ricordare che trattasi d’immobili già esistenti, il cui eventuale abbattimento era stato valutato dalla passata amministrazione, ipotesi però scartata in considerazione dell’alto costo quantificato in oltre 200.000 euro. Si ritiene invece che una riqualificazione della zona, non potrà che migliorare una situazione incontrollata, in abbandono e stagnante da anni. I due immobili oggetto dell’interrogazione sono situati, fronte parco l’immobile al civico 75 e a pochi metri l’immobile al civico 46, un parco di oltre 50.000 mq. le cui numerose attività socioeducative e associazionistiche presenti all’interno del parco stesso ma anche all’esterno e legate preminentemente al quartiere ma non solo, continueranno a essere sostenute e valorizzate”.

 

Articolo precedenteCastelfranco Emilia, dal 3 al 7 agosto stop al mercato bisettimanale per lavori in Centro Storico
Articolo successivoLa batteria di cassonetti di piazza Martiri Partigiani verrà spostata in piazzale Avanzini