Home Cronaca Serrati controlli stradali eseguiti nel weekend dai carabinieri reggiani

Serrati controlli stradali eseguiti nel weekend dai carabinieri reggiani

Un conducente è stato sorpresi dai carabinieri della compagnia di Reggio Emilia guidare il veicolo dopo aver fatto uso smodato di bevande alcoliche: a lui i carabinieri hanno ritirato la patente di guida procedendo alle sanzioni previste dalla legge. Otto persone sono state trovate in possesso di sostanze stupefacenti per uso personale non terapeutico ed ora rischiano la sospensione delle rispettive patenti e dei relativi documenti di espatrio (sino a 4 mesi per chi deteneva cocaina e sino a 2 mesi per chi aveva la marijuana). Questo è il bilancio dei serrati controlli stradali eseguiti nel weekend dai carabinieri della Compagnia di Reggio Emilia con il fine di garantire maggior sicurezza sulle strade.

In tutto i Carabinieri hanno controllato 144 persone e 123 tra automezzi e motocicli nei posti di blocco e di controllo eseguiti nelle strade di maggior traffico dove hanno proceduto anche alla contestazione di alcune contravvenzioni al codice della strada in prevalenza per violazioni delle norme di sicurezza stradale. In particolare i carabinieri reggiani hanno sorpreso un 50enne di Scandiano guidare dopo aver fatto uso smodato di bevande alcoliche: a lui i militari hanno ritirato la patente di guida e operato la denuncia per guida in stato d’ebrezza. Otto conducenti (due 18enni, due 20enni e un 19enne di Reggio Emilia, un 20enne di Cavriago, un 44enne di Reggio Emilia e un 21enne di Quattro Castella) sono stati trovati in possesso di modiche quantità di droga (complessivamente una decina di grammi di cui 6 di cocaina e 4 di marijuana): trattandosi di detenzione per uso personale non terapeutico i sette verranno segnalati alla Prefettura reggiana che sulla scorta del rapporto stilato dai carabinieri potrà loro ritirare per la sospensione i rispettivi documenti di guida ed espatrio posseduti.

Articolo precedenteUnimore: presentazione online del Corso di dottorato in Lavoro, Sviluppo e Innovazione
Articolo successivoLa solidarietà oltre la pandemia. Il caso dei volontari senegalesi e della collaborazione con l’Ausl di Reggio Emilia