Home Cronaca Si ferisce durante un furto in abitazione: reggiano arrestato dai carabinieri grazie...

Si ferisce durante un furto in abitazione: reggiano arrestato dai carabinieri grazie al DNA

Benché feritosi durante il furto in un’abitazione del bresciano, è riuscito a portare a compimento il maxi colpo, impossessandosi di diamanti, gioielli di famiglia e danaro contante. Si è dato poi alla fuga certo di essersi assicurato bottino e impunità. Ha fatto i conti senza l’oste in quanto le indagini dei carabinieri della stazione di Adro, in provincia di Brescia, hanno assicurato alla giustizia il malvivente che il 23 novembre dell’anno scorso, infrangendo la finestra della camera da letto e la porta finestra della di un’abitazione del comune di Corte Franca, fece man bassa di preziosi in oro e contante (anelli, un braccialetto, dieci collanine, diamanti e dollari equivalenti a 2.000 euro).

Questa a grandi linee la premessa della vicenda che ha visto i carabinieri della stazione di Adro identificare e denunciare alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Brescia con l’accusa di furto aggravato un 42enne abitante a Bibbiano con specifici precedenti in materia di reati contro il patrimonio. La Procura bresciana, concordando con le risultanze investigative dei carabinieri, ha richiesto ed ottenuto dal GIP del tribunale di Brescia  un’ordinanza di custodia cautelare a carico del 42enne che ieri è stata eseguita dai carabinieri della stazione di Bibbiano.

La svolta investigativa grazie all’eccezionale connubio tra le indagini tradizionali condotte dai carabinieri di Adro e quelle di laboratorio a cura del RIS di Parma. All’atto del sopralluogo di furto, infatti, i carabinieri avevano accertato come il malvivente, nell’infrangere i due vetri di altrettante finestre, si era ferito lasciando le tracce ematiche. Il sangue repertato dai carabinieri veniva inviato al RIS di Parma per le relative indagini di laboratorio. C’è voluto del tempo (non per certo per le analisi in sé, ma per “l’attesa” del giusto profilo) ma, alla fine, il ladro è stato individuato. Il profilo del DNA ricavato è risultato riconducibile al 42enne abitate a Bibbiano. La probabilità casuale di individuare un altro soggetto con lo stesso profilo genotipico è una su 9 miliardi di individui scelti a caso.

Chiuso il cerchio il malvivente è stato dapprima denunciato e successivamente arrestato in esecuzione del provvedimento di natura cautelare emesso dal magistratura bresciana concorde con gli esiti investigativi dei carabinieri.

Articolo precedenteReggio Emilia: attende i soldi per la vendita di cerchi per auto ma si ritrova il conto svuotato
Articolo successivo‘Ndrangheta, Dia confisca beni per oltre 500mila euro a 53enne domiciliato a Reggio Emilia