Home Reggio Emilia A Reggio Emilia zaini pediatrici in dono per le auto infermieristiche

A Reggio Emilia zaini pediatrici in dono per le auto infermieristiche

Sono stati donati e consegnati al Dipartimento Emergenza Urgenza dell’Ausl IRCCS di Reggio Emilia, 6 Zaini Pediatrici destinati alle Auto Infermieristiche provinciali. Il Kit per emergenze pediatriche, appositamente realizzato per le esigenze di soccorso dei minori, comprende materiale di varia natura e farmaci salvavita specifici per i bambini.

D’ora innanzi tutte le Auto Infermieristiche della Provincia avranno quindi a disposizione uno zaino dedicato esclusivamente alle Emergenze Pediatriche che andrà a implementare il materiale già in uso e sarà di sostegno per incrementare l’efficacia degli interventi degli Infermieri sul Territorio Provinciale. Suddividere il materiale a disposizione dei professionisti in appositi zaini destinati in maniera specifica agli adulti o ai bambini consentirà di velocizzare e migliorare l’attività di Soccorso.

3 di questi zaini sono stati donati dalla Famiglia Bazzani in ricordo della figlia Monica, 1 da Anna, Marco e gli Amici del GRIPPO di Salvaterra; 1 dal Circolo tennis di Casalgrande, 1 dalla ceramica CIPA Gres di Casalgrande.

I donatori hanno richiesto che gli zaini fossero distribuiti in questo modo:

  • Auto –Infermieristica Reggio Emila AIRE —– Zaino donato dalla Ceramica CIPA gres di Casalgrande
  • Auto –Infermieristica Scandiano ——Zaino donato da Anna e Marco gli Amici del GRIPPO Salvaterra
  • Auto –Infermieristica Correggio ——- Zaino donato dal Circolo Tennis di Casalgrande
  • Auto –Infermieristica Montecchio —–Zaino donato in ricordo di Monica Bazzani dalla mamma e dal papà
  • Auto –Infermieristica Castelnovo né Monti – Zaino donato in ricordo di Monica Bazzani dalla mamma e dal papà
  • Auto –Infermieristica Guastalla —– Zaino donato in ricordo di Monica Bazzani dalla mamma e dal papà

La Direzione aziendale ha ringraziato sentitamente per la donazione, segno tangibile di un’attenzione particolare da parte di questi cittadini alle necessità degli operatori sanitari nell’assistenza in situazioni di emergenza-urgenza.

 

Articolo precedenteStati generali, incontro con gli enti locali, Tomei: “Investire su strade e scuole, serve la riforma dell’ente”
Articolo successivoPremiate le tre “Reggiane per esempio”: donne speciali che fanno la differenza per la nostra comunità