Home Cronaca I carabinieri di Reggio Emilia stroncano rete di spaccio tra giovani amici

I carabinieri di Reggio Emilia stroncano rete di spaccio tra giovani amici

L’attenta attività di monitoraggio sugli assuntori di sostanze stupefacenti, che a Reggio Emilia stanno svolgendo i carabinieri della sezione radiomobile della locale compagnia, sta incominciando a produrre risultati. L’altra sera, infatti, tale attività ha consentito ai militari di fermare un 20enne di Reggio Emilia trovato in possesso di una dose di marijuana risultata acquistata da un suo amico identificato in un 21enne reggiano. I successivi approfondimenti investigativi condotti dai carabinieri presso l’abitazione del 21enne, hanno permesso di rinvenire una decina di grammi di marijuana e una dose di cocaina.

Dall’abitazione di quest’ultimo i militari sono poi giunti a quella di un altro amico, un 24enne reggiano, dove hanno rinvenuto 5 piante di marijuana in altrettanti vasi dei quali due nel terrazzo di casa e 4 in giardino. Per questi motivi, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio e coltivazione di sostanze stupefacenti, i carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale reggiano il 21enne ed il 24enne, sequestrando loro lo stupefacente detenuto. Nei guai è finito anche l’amico 20enne trovato in possesso della dose di marijuana che è stato segnalato quale assuntore di stupefacenti.

L’origine dei fatti l’altra mattina quando in via Conforti a Reggio Emilia i più giovane dei tre. Nonostante l’atteggiamento poco collaborativo, i militari dall’esame del suo cellulare risalivano al fornitore identificato in un suo amico 21enne, che sempre dalle foto custodite nel cellulare dell’amico, risultava anche detenere alcune piante di marijuana. Il 21enne “visitato” dai carabinieri mostrava collaborativo consegnando spontaneamente una bustina con una decina di grammi di marijuana e una bustina con una dose di cocaina. Tuttavia rilevata l’assenza delle piante i militari approfondivano gli accertamenti risalendo a un 24enne reggiano nella cui abitazione rinvenivano le cinque piante che l’amico gli aveva dato in custodia, temendo proprio un controllo dei carabinieri. Lo stupefacente veniva sequestrato mentre i due venivano denunciati. Nei guai come detto anche il 20enne, segnalato quale assuntore.

 

Articolo precedenteMinaccia con coltello l’avventore di un bar denunciato a Montecchio Emilia
Articolo successivoCoronavirus, aggiornamento (14/6): 17 nuovi positivi, di cui 14 asintomatici individuati attraverso screening regionali