Home Modena Al via la gara di ampliamento del centro sportivo per l’atletica di...

Al via la gara di ampliamento del centro sportivo per l’atletica di via Piazza a Modena

Il centro sportivo per l’atletica di via Piazza 70 a Modena, gestito dalla Fratellanza, riqualifica l’impianto sportivo e ricreativo e si prepara a ripartire ampliando gli spazi per l’attività dell’atletica indoor, ristrutturando gli spogliatoi e creando un nuovo spazio, più integrato, per la sede del Circolo ricreativo.

È stata pubblicata, infatti, da parte del Comune, la gara d’appalto, secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (valutando, quindi, anche gli aspetti qualitativi della proposta), per assegnare il primo stralcio dell’intervento di riqualificazione per un valore complessivo di 1 milione 26 mila euro. I soggetti in possesso dei requisiti possono presentare offerte attraverso il Sistema di acquisti telematici dell’Emilia Romagna (Sater) fino a venerdì 26 giugno, mentre il termine entro il quale richiedere chiarimenti è lunedì 15 giugno. Per visionare il bando e per maggiori informazioni è possibile consultare il sito del Comune di Modena (www.comune.modena.it). Il bando beneficia della sospensione del pagamento del contributo Anac, a carico sia della stazione appaltante che dell’impresa, previsto con il decreto per il rilancio dello scorso 19 maggio.

L’intervento prevede il raddoppio dello spazio per l’attività sportiva con la realizzazione di un nuovo padiglione contenente un rettilineo di otto corsie e una tribuna da 83 posti, la ristrutturazione degli spogliatoi e dei servizi, l’ampliamento del padiglione esistente per la realizzazione di un ambito specialistico dedicato ai lanci e una palestra di muscolazione. Prevede, inoltre, la demolizione dell’attuale sede del Circolo ricreativo “Piazza”, collocato in un vecchio corpo di fabbrica, e la sua ricostruzione sulla testata dell’impianto sportivo indoor creando, così, uno spazio in cui integrare i frequentatori del circolo che possono offrire una preziosa collaborazione nei confronti della società sportiva.

L’intervento è finanziato in parte con un contributo di 500 mila euro della Fondazione di Modena, e in parte dal Comune che, oltre a impegnare risorse proprie ha acceso un mutuo a tasso zero per circa 440 mila euro acceso dal Comune con il Credito sportivo grazie alla partecipazione al Bando 2019 Sport Missione Comune.

I lavori dovranno raccordarsi con il calendario delle attività sportive e il secondo stralcio dell’intervento si prevede di programmarlo in continuità con il cantiere.

Il centro sportivo outdoor e indoor di via Piazza 70, di proprietà del Comune di Modena, è gestito fin dagli anni ’90 dalla società Asd La Fratellanza 1874 e nel 2017 il Consiglio comunale ha approvato una convenzione che ne concede l’utilizzo alla società sportiva fino all’agosto 2027. La società ha già realizzato a propria cura e spesa i lavori di ristrutturazione della pista di atletica leggera dell’impianto di viale Autodromo e l’intervento di ampliamento della palestra indoor e del centro ricreativo di via Piazza 70 rappresenta il completamento del progetto di riqualificazione dell’impianto sportivo.

Il centro sportivo infatti è composto da un impianto all’aperto con una pista ad anello di 400 metri a 6-8 corsie e tutte le pedane per svolgere le discipline dell’atletica leggera, completo di una tribuna coperta della capienza di circa 800 posti sotto alla quale vi sono i servizi per il pubblico e una sala a disposizione dei giudici di gara. L’impianto indoor invece attualmente è costituito da un padiglione all’interno del quale vi sono un rettilineo per i 60 metri piani, le pedane per il salto in lungo, in alto e con l’asta e, sulla testata nord, una tribuna dalla capienza di 99 posti. Sono inoltre presenti spogliatoi, servizi, uffici, infermeria e centrale termica.

Articolo precedenteAutobrennero approva il bilancio 2019 con risultati record: il commento del Presidente della Provincia di Modena, Tomei
Articolo successivoGreen Economy: Orogel mette in campo un investimento di quasi 25 milioni di euro per razionalizzare logistica e produzione degli stabilimenti