Home Economia Nuove modalità di fatturazione del gas da parte di Iren, in linea...

Nuove modalità di fatturazione del gas da parte di Iren, in linea con i consumi

Novità per i Clienti di Iren: la modalità di fatturazione gas definita  “a rate costanti” è oggetto di una graduale riconversione verso una modalità “a consumo”. L’obiettivo è garantire una fattura in linea con i consumi, come raccomandato dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico (ARERA).

Il sistema di fatturazione “a rate costanti” prevedeva nell’arco dell’anno l’emissione di 5 rate di acconto, ognuna con pari importo, calcolate in base al consumo medio annuale ed una fattura di conguaglio dei consumi effettivi con scadenza nei mesi estivi, talvolta con importi elevati.

La nuova modalità di fatturazione prevede che il gas utilizzato sia fatturato nel corso dell’anno seguendo l’andamento dei consumi comunicati periodicamente dalla società di Distribuzione locale o dal Cliente attraverso l’autolettura. Va sottolineato che il passaggio alla nuova modalità di fatturazione comporta l’emissione anticipata rispetto al periodo abituale di una fattura di conguaglio che i Clienti stanno ricevendo in questo periodo.

Dato il periodo di difficoltà per l’emergenza sanitaria in Italia, per le famiglie con disagio economico, Iren offre la possibilità di richiedere lo spostamento della scadenza di pagamento di 30 giorni oppure la rateizzazione senza interessi utilizzando i canali di contatto messi a disposizione dall’Azienda o scrivendo a rateizzazioni@gruppoiren.it o chiamando il Numero Verde 800 969696.

Si coglie l’occasione per ricordare a tutti l’importanza di comunicare la lettura del proprio contatore nel periodo indicato in fattura in modo da limitare la fatturazione di consumi stimati. L’autolettura può essere comunicata chiamando il Numero Verde 800 012305 oppure scaricando l’App IrenYOU o registrandosi sul sito web www.irenlucegas.it Iren conferma ancora una volta l’attenzione ai territori serviti, alle persone e ai propri clienti.

Articolo precedenteCovid-19, dalla Fondazione Manodori iniziative a sostegno delle strutture per anziani
Articolo successivoIl Tecnopolo di Reggio Emilia si arricchisce di una innovativa start-up