Home Regione Gruppo Hera e Caritas Italiana insieme per donare l’equivalente di 25 mila...

Gruppo Hera e Caritas Italiana insieme per donare l’equivalente di 25 mila pasti

Una donazione alla Caritas Italiana per ogni cliente che richiede l’invio elettronico della bolletta, per fornire l’equivalente di 25 mila pasti a chi ne ha bisogno. È questa la nuova iniziativa di solidarietà messa in campo dal Gruppo Hera che si aggiunge alle numerose altre già realizzate, anche in questo periodo di emergenza Coronavirus, a sostegno di famiglie e aziende del territorio che si trovano in difficoltà a gestire i pagamenti delle bollette relative ai servizi forniti dalla multiutility.

 

Un supporto a Caritas Italiana nel sostegno alimentare alla popolazione

Fino al 31 maggio, per ciascun cliente – domestico o business – che attiva l’invio elettronico della bolletta, il Gruppo Hera donerà 2 euro a favore della Caritas Italiana. La multiutility in questo modo stima di raccogliere fondi per coprire l’erogazione di circa 25 mila pasti da destinare alle persone in difficoltà in Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Marche.

È possibile richiedere l’invio della bolletta per e-mail, in sostituzione di quella cartacea, per le bollette di energia elettrica, gas, acqua, teleriscaldamento e tariffa a corrispettivo puntuale per la gestione dei rifiuti.

Per dare visibilità all’iniziativa di solidarietà è stata avviata una capillare campagna di sensibilizzazione rivolta a tutti i clienti, tramite sms ed e-mail.

 

Come attivare l’invio elettronico della bolletta

Richiedere l’invio elettronico della bolletta è semplice: basta accedere ai servizi digitali del Gruppo Hera (Servizi Online e app My Hera) o contattare il Servizio Clienti.

 

Un vantaggio anche per l’ambiente e i clienti

Scegliere l’invio elettronico della bolletta è un piccolo gesto con il quale, però, ora si può contribuire a dare un aiuto concreto a chi ha più bisogno, aiutandolo a superare questa emergenza. Allo stesso tempo rappresenta un vantaggio per i clienti, poiché l’invio della bolletta per e-mail assicura puntualità di consegna, e per l’ambiente, in termini di risparmio di carta ed emissioni in atmosfera per produrla e trasportarla.

Inoltre, ogni volta che un cliente domestico attiva uno o più servizi digitali, messi a disposizione gratuitamente dalla multiutility, come in questo caso per l’invio elettronico della bolletta, dona punti alle scuole del suo Comune nell’ambito del progetto Digi e Lode del Gruppo, punti che potranno essere convertiti in premi in denaro da spendere in progetti di digitalizzazione scolastica.

 

Ulteriori agevolazioni per i clienti

Il progetto di solidarietà che vede coinvolta la Caritas Italiana si affianca alle numerose iniziative di dilazioni di pagamento e rateizzazioni delle bollette per

tutti i servizi che la multiutility ha introdotto in questo periodo per i propri clienti, famiglie e imprese, in difficoltà economica. Tali agevolazioni speciali – in essere fino alle scadenze di fine giugno – consentono diluizioni dei pagamenti anche fino a dicembre 2020 e riguardano le bollette di tutti i servizi erogati dal Gruppo Hera (acqua, teleriscaldamento, rifiuti urbani in regime di tariffazione corrispettivo puntuale e forniture di energia elettrica e gas naturale, purché non in regime di salvaguardia e di ultima istanza) per importi fino a 4.500 euro. Per importi superiori saranno definiti piani di rateizzazione specifici. Hera non applicherà su queste agevolazioni alcun interesse passivo e possono essere richieste da tutti i clienti attivi che prima dell’emergenza erano in regola con i pagamenti, telefonando al Servizio Clienti al numero indicato in bolletta.

Per svolgere la maggior parte delle pratiche comodamente da casa, i clienti hanno a loro disposizione molteplici canali gratuiti, dal Servizio Clienti telefonico ai Servizi Online fino alla app My Hera, attraverso i quali è possibile anche comunicare l’autolettura delle proprie utenze e ricevere così bollette basate sui consumi reali.

 

Cristian Fabbri: “Aiuti concreti a chi è in difficoltà”

“In questa emergenza, che non è più solo sanitaria ma anche sociale ed economica, sta aumentando il numero di persone che non riescono a soddisfare neppure i bisogni primari come la garanzia di un pasto” – commenta Cristian Fabbri, Direttore Centrale Mercato del Gruppo Hera. “Con le agevolazioni già attivate per il pagamento delle bollette e questa ulteriore iniziativa in collaborazione con Caritas Italiana vogliamo dare un contributo concreto a chi si trova in maggiore difficoltà”.

 

Don Francesco Soddu “Questa emergenza ci deve far sentire tutti uniti e solidali” 

“Questa emergenza ci deve far sentire tutti uniti e solidali – ricorda il Direttore di Caritas Italiana don Francesco Soddu, che aggiunge – ancora una volta le più esposte sono le persone più fragili e per questo auspichiamo che siano sempre di più le iniziative, come questa del Gruppo Hera, di solidarietà concreta in favore delle persone in difficoltà e in condizioni sempre più precarie”.

Articolo precedenteCoronavirus, Prometeia: una recessione assai più grave che nel 2009
Articolo successivoBrescello e Gualtieri: sensi unici alternati su tre cavalcavia per lavori