Home Reggio Emilia La Comunità Cinese di Reggio Emilia dona 70mila euro da destinare a...

La Comunità Cinese di Reggio Emilia dona 70mila euro da destinare a Santa Maria Nuova e CRI

Questa mattina, con la collaborazione dell’Avvocato Giulio Cesare Bonazzi e della BPER Agenzia di Reggio Emilia n. 9, è stata effettuata la donazione, da parte della Comunità Cinese di Reggio Emilia, di una raccolta fondi di 70mila euro da destinare all’Ospedale Santa Maria Nuova e alla Croce Rossa italiana.
L’iniziativa ha ricevuto il plauso del Direttore Generale dell’AUSL, Fausto Nicolini, del Sindaco, Luca Vecchi, del Presidente di Croce Rossa Italiana Ing. Mario Restuccia e dell’Assessore alla Legalità Nicola Tria. Altre comunità cinesi di città limitrofe, hanno già fatto sapere agli artefici del progetto, che lo replicheranno con altrettanto entusiasmo e impegno.

DUE COMUNITA’. UN’UNICA COMUNITA’. UN SOLO OBIETTIVO.

“Alcuni giovani cinesi, cresciuti nella nostra città – spiega una nota – si sono fatti portatori di un’importante e lodevole iniziativa per raccogliere fondi da destinare all’Arcispedale Santa Maria Nuova per l’acquisto di ventilatori polmonari e di altro materiale indispensabile nella lotta contro il coronavirus e alla Croce Rossa Italiana. L’iniziativa è stata accolta molto favorevolmente dall’intera Comunità che vi ha aderito con grande entusiasmo. Dieci volontari hanno iniziato la raccolta che, in soli tre giorni, ha visto offerte per 70.000,00 euro. Hanno contribuito in tanti, imprenditori, studenti, pensionati e anche bambini… Questi ultimi hanno donato i loro risparmi che, secondo antica tradizione, hanno ricevuto dai nonni per il capodanno cinese.

In questo modo la Comunità Cinese ha voluto mandare un segnale forte del proprio senso di appartenenza alla città dove molti sono nati, molti sono cresciuti e lavorano. Città vissuta come una seconda casa. Rispettata e amata. E in questo tragico momento da aiutare e difendere tutti insieme per il bene comune. Molte offerte sono arrivate anche da residenti che attualmente si trovano in Cina.

Altre comunità cinesi di città limitrofe, hanno già fatto sapere ai promotori dell’iniziativa, che la replicheranno con altrettanto entusiasmo e impegno.

La Comunità Cinese intende ringraziare – anche con il Suo modesto contributo – medici, infermieri e tutti coloro che, quotidianamente combattono in prima linea questa durissima battaglia per il benessere di tutti”.

Articolo precedenteUnimore e Fondazione Biagi ricordano l’anniversario della morte di Marco Biagi a diciotto anni dal suo assassinio
Articolo successivoNuova ordinanza di Bonaccini su parchi, giardini, uso bici e spostamenti a piedi