Home Economia Edilizia in crescita in Regione prima del corona virus

Edilizia in crescita in Regione prima del corona virus

L’economia subirà una forte frenata per l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, e andrà in sofferenza anche il comparto delle costruzioni che stava vivendo una fase positiva. Rischiano lo stop i cantieri edili, e questo aumenta il rammarico nel momento in cui anche le vendite immobiliari collegate alle costruzioni, sono in costante crescita.

I risultati dell’indagine sulla congiuntura di Camere di commercio e Unioncamere Emilia-Romagna attestano come nel trimestre tra ottobre e dicembre 2019 si confermi la nuova tendenza positiva del settore: l’incremento è dello 0,8 per cento del volume d’affari a prezzi correnti rispetto all’analogo periodo del 2018.

L’andamento risente della dimensione delle imprese: ritorna a crescere, ma in misura contenuta, il volume d’affari per le piccole imprese, da 1 a 9 dipendenti (+0,6 per cento), mentre la dinamica positiva rallenta per le medie imprese da 10 a 49 dipendenti (+0,5 per cento). Infine, la tendenza rallenta, ma resta più solida, per le grandi imprese da 50 a 500 dipendenti (+2,1 per cento).

Il 2019 si è chiuso con una crescita del volume d’affari rispetto al 2018 solo dello 0,3 per cento. E’ il quinto anno di crescita, indebolita se la si confronta con il +1,7 per cento riferito al 2018.

Il registro delle imprese. A fine dicembre 2019 la consistenza delle imprese attive nelle costruzioni si è ridotta a 65.023 unità, vale a dire 265 in meno (-0,4 per cento) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Continua a ridursi l’intensità della tendenza negativa, tradottasi nella più contenuta variazione tendenziale annuale dal 2011. La riduzione della base imprenditoriale è stata determinata dalle imprese operanti nella costruzione di edifici (-227 unità, -1,4 per cento), ma appare sostanzialmente nulla per quelle attive nei lavori di costruzione specializzati (-15 unità). L’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata determina l’aumento delle società di capitali (600 unità), con un ritmo mai toccato dal 2010, e contribuisce alla diminuzione delle ditte individuali (-587 unità) e delle società di persone (-240 unità). Anche i consorzi e le cooperative sono risultati in rapida flessione (-2,6 per cento).

 

Articolo precedenteEnte Parchi Emilia Centrale: “restiamo a casa, non addentriamoci nelle aree naturali”
Articolo successivoLa Platform Basket di Poviglio contribuisce con 10mila euro a sostenere i costi dell’emergenza Covid-19