Home Cronaca Coronavirus: si ritrovano al parco per giocare 7 giovani (tra cui 3...

Coronavirus: si ritrovano al parco per giocare 7 giovani (tra cui 3 minori) nei guai

Disattendendo le misure contro la diffusione del coronavirus contenute del Dpcm, sono usciti da casa ritrovandosi al parco Polletti di Sant’Ilario d’Enza per passare una serata all’insegna del divertimento. I protagonisti della vicenda – sette giovani tra cui tre minori,  aventi un età compresa tra i 16 e i 20 anni, tutti residenti nel reggiano –  sono stati denunciati dai Carabinieri di Sant’Ilario d’Enza alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia con l’accusa di inosservanza del provvedimento dell’autorità in relazione alle prescrizioni contenute nel richiamato DPCM.

Due di loro, entrambi 17enni, sono stati pure denunciati, rispettivamente, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale (a seguito dell’aggressione un militare ha riportato 15 giorni di prognosi) e uno per false dichiarazioni sulla propria identità personale. I restanti cinque amici, datisi alla fuga all’atto dell’intervento congiunto dei carabinieri di Sant’Ilario d’Enza e della Polizia Municipale della Val d’Enza, sono stati rintracciati e identificati poco dopo.

I fatti risalgono a ieri sera quando i carabinieri della stazione di Sant’Ilario d’Enza, unitamente alla Polizia Municipale del luogo, recependo le segnalazioni di alcuni cittadini che segnalavano l’assembramento di una decina di giovani all’interno del Parco Polletti di quel comune, si portavano sul posto. Tra il fuggifuggi generale i carabinieri fermavano un 17enne bloccandolo a fatica per la forte resistenza posto in essere dall’interessato che aggrediva gli operanti causando lesioni a un militare. L’altro minore fermato dalla Polizia Municipale forniva false dichiarazioni sull’identità personale. I due venivano quindi denunciati oltre che per l’inosservanza dell’Art. 650 del Codice penale, anche per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla propria identità personale. Successivamente, nel proseguo delle ricerche, i militari rintracciavano i 5 amici riusciti in un primo tempo a fuggire procedendo alla loro denuncia per inosservanza al menzionato DPCM.

Articolo precedenteMatrimonio combinato per il permesso di soggiorno: “falsi coniugi” denunciati dai carabinieri di Scandiano
Articolo successivoCoronavirus: trattori Coldiretti mobilitati per sanificare strade