Home Cronaca Coronavirus, altre 5 denunce nel reggiano per non rispetto decreto

Coronavirus, altre 5 denunce nel reggiano per non rispetto decreto

Con la sua autovettura dal comune di Bagnolo in Piano si è spostato a quello di Correggio per andare a rubare superalcolici al supermercato Coop di Correggio ed è stato denunciato  non solo per furto ma anche per il mancato rispetto del decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri per limitare il contagio da coronavirus.

È accaduto a Correggio, in provincia di Reggio Emilia dove, come in altri territori dell’Emilia-Romagna, sono stati intensificati i controlli delle forze dell’ordine per il rispetto delle misure governative. Nel caso in specie nei guai è finito un 50enne di Bagnolo in Piano fermato all’uscita del supermercato coop di Correggio con alcune bottiglie di superalcolici del valore di 50 euro, risultate appena rubate dall’interno del supermercato.  Oltre alla refurtiva recuperata e restituita al supermercato derubato, è stato chiarito che non avevano alcuna ragione valida per spostarsi.

Sempre a Correggio gli stessi Carabinieri correggesi questa notte poco dopo la mezzanotte hanno denunciato un 28enne e un 33enne pregiudicati del paese. I due fermati nel centro del paese dai carabinieri hanno riferito di essere usciti (pur abitando in abitazioni diverse) per andare a comprare le sigarette. Giustificazione non esimente dell’illecita condotta inosservante del citato DCPM circostanza per la quale i due sono stati denunciati ai sensi del 650 del Codice Penale alla Procura reggiana.

A Novellara un 40enne  di Gualtieri è incappato in una doppia denuncia. Fermato nella tarda serata di ieri oltre a risultare essersi posto alla guida di un’auto dopo aver fatto uso di droga (per lui denuncia per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti) ha riferito di essersi recato a Novellara per vedere dei lavori edili che doveva fare all’indomani. Giustificazione anche questa non esimente dell’illecita condotta violante le disposizioni governative motivo per cui veniva denunciato anche ai sensi del 650 del Codice Penale.

Infine a  Gattatico, nella Val d’Enza reggiana, a finire nei guai è stato un 31enne di Poviglio. Fermato in piena notte dai carabinieri della stazione di Gattatico non avendo fornito una valida giustificazione cica la sua presenza fuori comune è stato denunciato per inosservanza del decreto per limitare il contagio da coronavirus.

Articolo precedenteLe tira le orecchie poi la schiaffeggia perché chiama i carabinieri: uomo denunciato nel reggiano
Articolo successivo#laculturanonsiferma. Parte con cinema e jazz il grande festival digitale creato dalla Regione con il mondo culturale dell’Emilia-Romagna