Home Cronaca Sorpreso a spacciare nei pressi del parco: arrestato a Reggio Emilia

Sorpreso a spacciare nei pressi del parco: arrestato a Reggio Emilia

L’eccezionale connubio tra la collaborazione dei cittadini e gli approfondimenti investigativi dei carabinieri della sezione operativa della compagnia di Reggio Emilia, è alla base dell’operazione antidroga che nella giornata di ieri ha permesso di arrestare un pusher nei pressi del parco Ottavi nel quartiere Foscato di Reggio Emilia. Le segnalazioni dei cittadini  circa giri sospetti giunte ai carabinieri, hanno permesso di ricondurre tali movimenti all’effettiva compravendita di cocaina che ieri è stata accertata dai militari reggiani.

Con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti, i carabinieri della sezione operativa della compagnia di Reggio Emilia hanno infatti arrestato un disoccupato albanese 42enne residente in città, ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della procura reggiana. All’uomo i carabinieri hanno sequestrato sedici dosi di cocaina già confezionate e pronte allo spaccio (tra cui le tre dosi cedute a un cliente), un migliaio di euro in contanti ritenuti provento dello spaccio, anche alla luce dello stato di nullatenenza dell’uomo, un bilancino di precisione e materiale da taglio e confezionamento delle dosi.

L’origine dei fatti ieri pomeriggio quando i carabinieri della sezione operativa della compagnia di Reggio Emilia, forti delle segnalazioni ricevute dai cittadini, predisponevano un servizio di osservazione nei pressi del parco Ottavi del quartiere Foscato di Reggio Emilia al fine di verificare la bontà delle segnalazioni ricevute su un possibile giro di spaccio. In effetti alle 17.30 l’attenzione degli operanti si catalizzava su un’autovettura Peugeot 208 che percorrendo via Foscato, si fermava in prossimità del parco venendo avvicinata da un uomo che allungava il braccio nell’abitacolo dell’auto porgendo qualcosa all’autista (nella circostanza solo a bordo). Visto quanto stava accadendo i militari intervenivano bloccando i due immediatamente sottoposti a ispezione. L’autista dell’autovettura, identificato in un 52enne residente a Reggio Emilia, veniva trovato in possesso di 3 dosi di cocaina (due da 2 grammi e una da 1 grammo) appena ricevute dall’uomo giunto a piedi identificato nell’albanese 42enne. Quest’ultimo veniva trovato in possesso di 3 dosi di cocaina del peso di un grammo l’una, due smartphone e 870 euro in contanti tra cui i 250 euro appena ricevuti dal cliente come peraltro ammesso da quest’ultimo.

Alla luce di quanto accertato i carabinieri si recavano presso la vicina abitazione del 42enne dando corso a una perquisizione domiciliare che portava a rinvenire una busta con all’interno 10 dosi di cocaina del peso complessivo di 13 grami, un bilancino di precisione e una scatola di bicarbonato aperta (sostanza da taglio). Quanto rinvenuto veniva sottoposto a sequestro mentre il 42enne alla luce della flagranza di reato di detenzione ai fini d spaccio di stupefacenti veniva tratto in arrestato e ristretto a disposizione della Procura reggiana. Oggi comparirà davanti al Tribunale di Reggio Emilia per rispondere delle accuse a lui contestate.

Articolo precedenteCoronavirus, oggi in Emilia-Romagna registrati i primi 4 pazienti “clinicamente guariti”
Articolo successivoEstetista nei guai a Reggio Emilia: in nero il 100% della forza lavoro