Home Economia Lavoro, Coldiretti E-R: il 21% dell’agricoltura in regione è rosa

Lavoro, Coldiretti E-R: il 21% dell’agricoltura in regione è rosa

Ogni cinque aziende agricole in regione una è condotta da una donna. La fa sapere Coldiretti Emilia Romagna in occasione del coordinamento regionale di Coldiretti Donne Impresa.

“Le aziende condotte da donne in regione sono oltre12.000, su un totale di 56.300” ha detto la responsabile di Donne Impresa Luciana Pedroni “ma il totale delle donne che lavorano in agricoltura in Emilia Romagna supera le 80.000. Noi rappresentiamo l’area dell’agricoltura regionale che, assieme ai giovani, ha maggiormente beneficiato dagli effetti della legge di orientamento (la numero 228 del 18 maggio 2001) fortemente sostenuta da Coldiretti, che ha di fatto rivoluzionato l’attività d’impresa nelle campagne italiane aprendo nuove opportunità occupazionali. La presenza innovativa delle donne è infatti più diffusa nelle attività connesse a quella agricola come la trasformazione dei prodotti, il settore dell’agribenessere, le fattorie sociali, il recupero di antiche varietà, le fattorie didattiche, gli agriasilo, la pet-therapy fino al protagonismo delle donne nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica, negli agriturismi o nelle associazioni per la valorizzazione di prodotti tipici nazionali come il vino e olio”. A ulteriore conferma di ciò il tema centrale della riunione è stata l’edizione 2020 del progetto di Educazione alla Campagna Amica, che quest’anno sarà intitolato “ALIMENTARSI BENE FA BENE. IL CIBO GIUSTO PER TE E PER L’AMBIENTE”.

Il progetto – informa Coldiretti Emilia Romagna – è nato per far incontrare il mondo della scuola e l’agricoltura, sensibilizzando i giovani ai valori della sana alimentazione, della tutela ambientale, dello sviluppo sostenibile e del territorio come luogo di identità e di appartenenza. Educazione alla Campagna Amica rientra nel più ampio impegno di Coldiretti per la costruzione di una filiera agricola tutta italiana: formare consumatori consapevoli del patrimonio agricolo ed enogastronomico del proprio territorio, infatti, sarà un contributo fondamentale per lo sviluppo dell’agricoltura, settore primario per l’Italia.

Promosso da Coldidattica e Coldiretti Donne Impresa Emilia Romagna il progetto raggiunge annualmente oltre 10.000 studenti della regione, dalla scuola dell’infanzia a quella primaria, sino alla secondaria di primo e secondo grado. Con un tema conduttore che si rinnova ogni anno gli studenti possono avvicinarsi all’agricoltura e ai suoi valori grazie a workshop in classe tenuti da produttori agricoli o tecnici esperti o approfondire attraverso visite e laboratori in azienda, in fattoria didattica o in farmer’s market.

Articolo precedenteAlcol e droga sulle strade: sette persone nei guai nel reggiano
Articolo successivoVista su Dubai ed Emirati per la moda dell’Emilia-Romagna