Home In evidenza Terminata la copertura del PalaPaganelli di Sassuolo

Terminata la copertura del PalaPaganelli di Sassuolo

È terminata da qualche giorno l’operazione di rifacimento definitivo della copertura del PalaPaganelli oggetto, come si ricorderà, di pesanti infiltrazioni nei mesi passati. La superficie della copertura è di mq. 1610, i lavori hanno riguardato anche il rifacimento delle lattoneria (gronde, pluviali, copertine ecc..) e l’installazione, come da previsione normativa, di sistema di linea vita. Il sistema adottato è costituito da lastre metalliche stratificate, sistema specifico per l’impiego su falde particolarmente lunghe, che consente di non avere interruzioni o giunti trasversali rispetto alla lunghezza della falda stessa.

E’ previsto, inoltre, che la connessione tra due lastre adiacenti sia conformata in modo da includere un canale di drenaggio così da eliminare qualsiasi rischio di infiltrazioni nell’edificio sottostante.

“Uno dei primi impegni che ho assunto all’inizio del mio incarico – afferma l’Assessore allo Sport del Comune di Sassuolo Sharon Ruggeri – è stato quello di verificare le criticità degli impianti sportivi del nostro territorio. Tra queste vi era la copertura del PalaPaganelli che destava notevoli e preoccupanti problemi di infiltrazioni durante le piogge; problemi che hanno più volte visto la difficoltà dei nullaosta per poter disputare le partite di volley A2, nonché il pericolo per l’incolumità non solo degli atleti e delle atlete, ma anche degli spettatori e degli altri fruitori della struttura. Dunque avendo presentato il problema ai tecnici e al resto della Giunta abbiamo trovato la disponibilità economica e subito destinato tali risorse per il rifacimento della copertura. Un altro traguardo dell’amministrazione che grazie alla costante collaborazione con i tecnici e al lavoro di squadra della Giunta continua a lavorare quotidianamente sfruttando al meglio le disponibilità limitate”.

Articolo precedenteAltri nuovi giochi nei parchi pubblici di Albinea
Articolo successivoApprofondimento sull’archeologia funeraria nel primo incontro del Gruppo Archeologico Albinetano