Home Bassa reggiana Somministrano alcolici a ubriachi: due baristi nei guai a Novellara

Somministrano alcolici a ubriachi: due baristi nei guai a Novellara

Al termine di approfonditi accertamenti di polizia giudiziaria, i carabinieri della stazione di Novellara hanno denunciato alla Procura reggiana per “determinazione in altri dello stato di ubriachezza” i titolari di un bar del paese, un 54 ed un 46 anni. L’attività investigativa dei carabinieri è nata a seguito di un intervento per quella che era stata segnalata come una rissa e che poi si è rivelata essere un’aggressione ad un ambulante da parte di 4 giovani: 2 ragazze (una 30enne reggiana e una 25enne mantovana) e di 2 ragazzi tarantini (di 30 e 26 anni), risultati essere ubriachi, circostanza questa ritenuta la causa della lite.

A determinare il loro stato di ubriachezza, secondo gli accertamenti dei militari di Novellara, sono stati i titolari di un bar del paese che hanno continuato a somministrare alcolici ai quattro, sebbene il loro evidente stato di ubriachezza. Secondo la ricostruzione, i quattro si sono recati in un bar del paese dove hanno fatto incetta di alcolici che i titolari del bar hanno continuato a somministrare sebbene ubriachi. In quello stato sono quindi usciti dall’esercizio pubblico e quando un ambulante ha rivolto un complimento ad una delle due ragazze, la reazione degli amici non si è fatta attendere con l’ambulante che è stato aggredito. Quindi l’intervento dei carabinieri che con non poca fatica hanno cercato di portare alla calma i giovani, visibilmente esagitati proprio per l’uso smodato di bevande alcoliche. Ai quattro è stata quindi contestata l’ubriachezza molesta che prevede una multa da 100 euro a persona. Ricostruito poi come i quattro giovani si erano ridotti in tale stato, i carabinieri hanno proceduto a denunciare i due titolari del bar in ordine al citato riferimento normativo violato.

Ma i guai per il bar non sono finiti: la conseguente ispezione amministrativa ha portato i carabinieri a contestare 308 euro di multa per la mancata esposizione della licenza, altri 308 euro per la mancata esposizione dell’orario di chiusura e apertura, 316 euro per non aver esposto degli articoli del Testo Unico delle Leggi di PS e una multa di 1.300 euro per non aver esposto il divieto di utilizzo a minori della slot presente, peraltro sequestrata in via amministrativa. Allo stesso bar inoltre veniva comminata una maxi multa, avendo sorpreso all’atto dei controlli un dipendente che non risultava regolarmente assunto.

 

Articolo precedenteTagliata di Guastalla, da lunedì modifiche alla viabilità per la rotatoria
Articolo successivoCasalgrande, scoperti rubare in casa deridono derubata: presi e denunciati