Home Ambiente Maltempo, Coldiretti: deroga di 15 giorni per gli spandimenti

Maltempo, Coldiretti: deroga di 15 giorni per gli spandimenti

È stata decisa l’apertura di finestre temporali adeguate a consentire per quindici giornate da definire secondo i bollettini nitrati delle Regioni, l’utilizzazione dei reflui zootecnici per ripristinare la fertilità del terreno in modo da garantire una corretta gestione delle operazioni agronomiche in termini corrispondenti all’andamento meteorologico, compatibilmente con la regolamentazione europea. Lo rende noto il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nell’esprimere un sincero ringraziamento al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, al ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova insieme all’ Assessori all’agricoltura della Regione Lombardia Fabio Rolfi, del Veneto e dell’Emilia Romagna per la sensibilità dimostrata nei confronti delle sollecitazioni della Coldiretti.

Prandini è stato l’unico presidente nazionale di organizzazione agricola presente alla riunione al Ministero dell’ambiente che – conclude la Coldiretti – ha definito le modalità di deroga che individuano una diversa decorrenza del divieto scattato a partire dal 1° dicembre tenendo conto della serie ripetuta di eventi climatici avversi che si è abbattuta in particolare nelle regioni del Nord che oltre a compromettere il calendario delle semine ha sostanzialmente interrotto le operazioni di utilizzazione invernale dei reflui zootecnici.

Un provvedimento di estrema importanza – considera Coldiretti Emilia Romagna – poiché il novembre particolarmente piovoso aveva impedito il regolare spandimento nei tempi indicati in precedenza. Proprio per questa ragione Coldiretti regionale aveva inviato una lettera alla Regione, lo scorso 26 novembre, nella quale si chiedeva la revisione del bollettino nitrati e di inviare la richiesta, poi accolta, al Ministero dell’Ambiente di poter spandere anche nel mese di dicembre.

Articolo precedenteGrano duro di alta qualità dell’Emilia-Romagna, si rinnova l’accordo triennale tra Barilla e cerealicoltori
Articolo successivoIl calendario 2020 della Polizia di Stato