Home Regione La Regione finanzia con oltre 500 mila euro 17 nuovi progetti per...

La Regione finanzia con oltre 500 mila euro 17 nuovi progetti per esercizi “multi funzione” nei piccoli centri scarsamente abitati

Internet point e sportelli di servizio di segreteria per il pubblico, rivendite di riviste e biglietti per i mezzi di trasporto, informazioni e servizi per il turismo, accanto ad attività di ristorazione, vendita di generi alimentari e bar. Sono alcune delle attività, per cittadini e turisti, che troveranno spazio nei nuovi esercizi commerciali polifunzionali che sorgeranno nei piccoli centri di cinque province emiliano-romagnole: Piacenza (7), Modena (7), Bologna (1), Forlì-Cesena (1) e Ferrara (1).

Sono 17 i nuovi interventi approvati e sostenuti dalla Regione attraverso il bando appena concluso e finanziato con circa 544 mila euro di contributi, per oltre un milione di euro di investimenti, che punta a sviluppare e o creare esercizi commerciali polifunzionali nelle aree scarsamente popolate. Obiettivo realizzare presidi di beni e servizi in cui l’attività di negozi, bar e ristoranti si esercita unitamente ad altri servizi di interesse per la collettività.

“Investire risorse per incentivare l’insediamento di nuovi esercizi commerciali ‘multifunzione’ è un passo importante e ha un grande valore per questi territori- precisa l’assessore regionale al Turismo e commercio, Andrea Corsini-. Con questo bando abbiamo scommesso su un doppio risultato: contrastare il calo delle attività commerciali nelle aree meno popolate del territorio e nei piccoli centri, dando alle imprese risorse per crescere e differenziare le proprie attività diventando più competitive, e creare servizi e attività utili ai cittadini per facilitare la vita delle persone. Un ulteriore contributo allo sviluppo e alla rivitalizzazione di un settore che ha un ruolo molto importante per l’economia dei territori”.

I progetti finanziati 
I 17 progetti – che saranno finanziati al 60% con un contributo massimo di 40mila euro – sono distribuiti in altrettante località della Regione.
Sette sono nel piacentino: due a Ferriere, in località Rompeggio (40mila) e Perotti (8.200); due a Vernasca rispettivamente in località San Genesio (circa 18.500) e Franchini (40mila); a Corte Brugnatella in località Colla Ozzola (32mila); a Farini in località Nicelli (40mila) e a Cerignale (25mila).

Sette interventi anche nel modenese: due a Riolunato in località Polle (80mila); a Fiumalbo in località Villaggio artigianale (36mila); a Frassinoro in località Romanoro (22mila); a Fanano frazione di Ospitale (40mila); a Lama Mocogno, frazione Montecenere (18mila); Sestola in località Casine (26mila).
Altri tre interventi saranno realizzati rispettivamente nel bolognese a Grizzana Morandi, nella frazione di Monteacuto Ragazza (39.600), a Santa Sofia in località Corniolo (40mila) nella provincia di Forlì-Cesena e infine a Ferrara in località Marrara (40mila).

L’impegno della Regione Emilia-Romagna per le attività commerciali
Sono circa 8 i milioni di euro, compreso quest’ultimo, stanziati dalla Regione Emilia-Romagna nel 2019 per gli esercizi commerciali.
Di questi, 3 milioni sono stati investiti in un bando con contributi a fondo perduto per promuovere l’innovazione tecnologica degli esercizi commerciali di vicinato con progetti di vendite online, “vetrine intelligenti”, innovazione gestionale, attrezzature.

Per valorizzare il commercio nei centri storici e nelle aree urbane, la Regione ha previsto un finanziamento di un milione di euro – ripartito tra 2019 e 2020 – rivolto agli enti locali singoli o associati con oltre 15 mila abitanti.
Infine altri tre milioni di euro – ripartiti tra il 2019 al 2021 – sono indirizzati ai Comuni con meno di 25mila abitanti per valorizzare aree commerciali, attività di artigianato di servizio, pubblici esercizi nei centri storici grazie alla riqualificazione dell’arredo urbano e delle aree dei mercati per limitare la dismissione degli usi commerciali nei contesti urbani

Articolo precedenteWelfare, in Emilia-Romagna una delegazione svedese della regione Västerbotten per un confronto sulle migliori pratiche dei due territori
Articolo successivoVongole, verso la proroga al 2020 della raccolta della ‘venus gallina’ sotto soglia