Home Ambiente Uil ER e Africa Clean Onlus in Senegal

Uil ER e Africa Clean Onlus in Senegal

«La Uil Emilia Romagna aderisce al Global Climate Strike del 27 settembre 2019, organizzato dal movimento Friday for Future – annuncia il segretario della Uil Emilia Romagna, Giuliano Zignani -. Oltre a essere nelle piazze accanto ai giovani, la Uil Emilia Romagna ha deciso che, in occasione della settimana dedicata ai cambiamenti climatici, farà partire, a Thies (Senegal), Ècole durable,  progetto di economia circolare che coinvolgerà, in prima persona, gli 800 studenti, dai 6 ai 15 anni, dell’ Ècole d’Application Malick Kaïre Diaw».
A coordinare il progetto è Africa Clean Onlus, l’associazione voluta dalla Uil Emilia Romagna  per sensibilizzare i cittadini sui temi della sostenibilità ambientale e  che, in Senegal, opera in parternship con l’onlus bolognese Acabas (Amici del cuore per dare aiuto ai bambini africani nelle scuole) e l’onlus senegalese Aca.

In occasione della Global Climate Week, il 25 settembre alle 11, a  Thies, «organizzeremo un presidio che – spiega il segretario generale della Uil Emilia Romagna, Giuliano Zignani -, da un lato, fornirà indicazioni sui cambiamenti climatici e i loro effetti e, dall’altro, illustrerà, ai cittadini di Thies, il nostro progetto di economia circolare».

Il progetto Ècole durable prevede diversi step. Nel primo, la Uil Emilia Romagna donerà alla Ècole d’Application Malick Kaïre Diaw trenta mini isole ecologiche per la raccolta della plastica, della carta e del vetro. Queste isole verranno poste all’interno delle aule e nel perimetro esterno della scuola. Oltre alle mini isole, un artigiano di Dakar fabbricherà un ‘pesce mangia plastica’ in ferro che verrà posto nel perimetro esterno della scuola.

Dopo un’attenta fase di formazione prima degli insegnanti, quindi degli studenti, verrà avviata la raccolta differenziata. In particolare, la plastica verrà venduta a D.m.s. azienda di Dakar che opera nella raccolta e nel riciclo della plastica. Fondata da imprenditori italiani e senegalesi, D.m.s. opera anche a Thies. Con la plastica recuperata, l’azienda produce tubi per l’irrigazione agricola biodegradabili che costano il 40% in meno rispetto a quelli che si trovano comunemente sul mercato

Il ricavato della vendita della plastica a D.m.s, con cui la Uil Emilia Romagna ha siglato una partnership, è destinato alla costruzione di una mensa per l’Ècole d’Application Malick Kaïre Diaw.

«Con questo esempio di economia circolare – sottolinea il segretario generale della Uil Emilia Romagna, Giuliano Zignani – riusciamo a raggiungere almeno tre obiettivi: sensibilizzare i cittadini sui cambiamenti climatici, creare un’economia solidale ed educare i giovani che, a loro volta grazie al loro comportamento virtuoso, divengono esempio per gli adulti. Teniamo molto al progetto Ècole durable di Thies perché come sindacato non possiamo e non vogliamo neppure sottrarci alla responsabilità di dare il nostro contributo per la difesa dell’ambiente.

Ècole durable è importante perché dà un segnale concreto che ‘si può fare’ che è possibile, se lo si vuole, invertire la rotta per costruire un modello di sviluppo basato sulla sostenibilità».

Articolo precedenteAutonomia differenziata, in Regione l’incontro del presidente Bonaccini col ministro Boccia
Articolo successivoTumori in calo in Emilia Romagna grazie alla prevenzione