Home Economia Codacons sull’inflazione ad agosto nelle città della nostra regione

Codacons sull’inflazione ad agosto nelle città della nostra regione

Modena è la città più cara d’Italia ad agosto. Lo afferma il Codacons, che ha elaborato i dati diffusi oggi dall’Istat e relativi al tasso di inflazione. Considerando la spesa annua delle famiglie italiane, che è diversa da città a città, Modena balza questo mese in testa alla classifica delle città dove si spende di più per beni e servizi, grazie ad un tasso di inflazione pari al +1,1%, contro una media nazionale del +0,4% – spiega il Codacons -.

Una famiglia “tipo” residente a Modena subisce quindi un aggravio di spesa medio pari a +307 euro su base annua; di contro Bologna e Ravenna fanno registrare ad agosto un tasso di inflazione negativo (-0,3%) che le colloca come le città più economiche d’Italia: le famiglie che risiedono nelle due province, infatti, risparmieranno in media 84 euro annui grazie alla riduzione dei prezzi al dettaglio registrata nelle due città – conclude il Codacons.

Di seguito la classifica del Codacons delle città più care ad agosto (capoluoghi di regione e comuni con più di 150 mila abitanti), in termini di spesa aggiuntiva annua (in ordine decrescente di spesa.

 

1)   Modena                       1,1%              307 euro

2)   Bolzano                          1%              301 euro

3)   Bari                              1,3%             271 euro

4)   Genova                         0,9%             219 euro

5)   Brescia                          0,7%            202 euro

6)   Verona                          0,7%            181 euro

7)   Napoli                           0,8%            173 euro

8)   Trieste                           0,7%            168 euro

9)   Catania                         0,8%            166 euro

10)Reggio Calabria              0,7%            135 euro

11) Catanzaro                     0,7%           134 euro

12) Torino                           0,5%           132 euro

13) Messina                        0,6%           122 euro

14) Milano                          0,3%              88 euro

15) Potenza                         0,4%             86 euro

16) Firenze                          0,3%             81 euro

17) Palermo                        0,4%              79 euro

18) Roma                            0,3%              76 euro

19) Reggio Emilia                 0,2%             56 euro

10) Venezia                         0,2%              52 euro

Padova                         0,2%               52 euro

21) Aosta                             0,1%               28 euro

Parma                            0,1%               28 euro

22) Ancona                         -0,1%              -22 euro

23) Trento                           -0,2%             -49 euro

24) Bologna                        -0,3%             -84 euro

Ravenna                       -0,3%             -84 euro

 

Articolo precedenteAl via il nuovo anno scolastico 2019/20: in Emilia-Romagna tornano in classe 620 mila alunni delle scuole e 8mila ragazzi del Sistema di Istruzione e Formazione professionale
Articolo successivoSerie di chiusure notturne sull’A1