» Ambiente - Economia - Regione

Cimice asiatica, l’assessore regionale all’Agricoltura risponde agli allarmi di alcuni esponenti politici

“La Regione Emilia-Romagna ha ben presente l’emergenza causata dalla cimice asiatica tant’è che, fin dal 2015 ha sollecitato più volte il provvedimento che modifica il recepimento della direttiva comunitaria Habitat da parte del nostro Paese e introduce una deroga al divieto di introduzione in natura di specie non autoctone. Provvedimento che può consentire l’immissione della vespa samurai per contrastare la cimice e che entrerà in vigore finalmente il 20 settembre”. Così l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, risponde agli allarmi ingiustificati che alcuni esponenti dell’opposizione continuano a lanciare nonostante i provvedimenti già presi dalla Regione e diffusi ampiamente sugli organi di stampa.

“Come ho più volte ripetuto- prosegue Caselli- siamo soddisfatti per questo provvedimento al qualesperiamo seguano le altre azioni richieste per fronteggiare l’emergenza cimice. La Regione è pronta: abbiamo già chiesto al governo di poter predisporre, assieme al Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, lo studio necessario ad avere l’autorizzazione per l’introduzione della vespa samurai. Va lanciato un investimento straordinario sulla ricerca di questo parassitoide antagonista con protocolli semplificati e non da quarantena”.

“Ripeto ancora che tre giorni fa, come Regioni del Nord Italia, abbiamo mandato al ministero della Politiche agricole una lettera congiunta con la richiesta di attivare un piano nazionale straordinario basato sostanzialmente su quello dell’Emilia-Romagna. Ho sentito anche personalmente la ministra Bellanova che ha confermato la volontà di incontrarci a breve. In quella sede chiederemo anche il sostegno delle aziende agricole colpite attraverso l’istituzione di un fondo che permetta di affrontare le conseguenze di quest’anno difficilissimo e di ripartire il prossimo anno. Un altro punto importante riguarda gli ammortizzatori sociali per i lavoratori dipendenti del settore. Attraverso l’Arefhl, l’associazione europea delle regioni e dei produttori di ortofrutta, che presiedo, ci stiamo attivando anche in Europa per chiedere un rafforzamento delle misure di prevenzione e gestione delle crisi nell’ambito dei fondi dell’Ocm e uno stanziamento dedicato, nei fondi per la ricerca, per progetti finalizzati a individuare efficaci metodi di lotta di questo insetto. Abbiamo già ottenuto un incontro con l’Unità Ortofrutta DG Agri per il 1^ ottobre prossimo”.

“Infine, mi spiace ripetermi, come avevamo promesso nell’incontro tecnico di fine agosto con le associazioni agricole e gli imprenditori- chiude Caselli-, ci siamo impegnati per dare rapidamente un sostegno concreto pari a 250 mila euro alle aziende agricole del settore ortofrutta colpite dalla cimice asiatica. Questo primo provvedimento consentirà alle imprese di accedere a mutui e prestiti agevolati ed evitare crisi di liquidità. E lunedì mattina visiterò due aziende del ferrarese proprio perché siamo consapevoli del nostro ruolo e non ci sottraiamo certo all’impegno di trovare soluzioni nel breve periodo e strategie definitive per debellare questa calamità. Siamo al fianco di lavoratori e imprese, come sempre, e lo dimostriamo ogni giorno coi fatti”.




Linea Radio Multimedia srl • P.Iva 02556210363 • Cap.Soc. 10.329,12 i.v. • Reg.Imprese Modena Nr.02556210363 • Rea Nr.311810
Tutti i loghi e marchi contenuti in questo sito sono dei rispettivi proprietari.
Parma2000.it supplemento al quotidiano Sassuolo2000.itReg. Trib. di Modena il 30/08/2001 al nr. 1599 - ROC 7892 • Direttore responsabile Fabrizio Gherardi
Il nostro news-network: Sassuolo 2000 - Modena 2000 - Bologna 2000 - Reggio 2000 - Parma 2000 - Carpi 2000 - SassuoloOnLine
© 2019
· RSS PAGINA DI PARMA · RSS ·
• 31 query in 0,078 secondi •