Home Regione Adiconsum Emilia Centrale: nel 2018 aperte 1.200 pratiche, recuperati dai consumatori 300...

Adiconsum Emilia Centrale: nel 2018 aperte 1.200 pratiche, recuperati dai consumatori 300 mila euro

Grazie all’Adiconsum Emilia Centrale, l’anno scorso i consumatori modenesi e reggiani hanno recuperato complessivamente 300 mila euro.
Lo rende noto la stessa associazione consumatori della Cisl Emilia Centrale tracciando un bilancio dell’attività svolta nel 2018 a Modena e Reggio Emilia. L’anno scorso gli sportelli modenesi e reggiani di Adiconsum hanno aperto circa 1.200 pratiche, 841 delle quali di conciliazione paritetica relative alla telefonia con Tim, Windtre e Fastweb.

«Il 99 per cento delle conciliazioni telefoniche si è concluso positivamente per gli utenti, che hanno recuperato complessivamente 165 mila euro – afferma Adele Chiara Cangini, responsabile di Adiconsum Emilia Centrale e conciliatrice regionale per le controversie con le compagnie telefoniche – Le altre pratiche aperte nel 2018 riguardano attivazioni di servizi non richiesti, acquisto di auto nuove o usate, forniture di acqua, elettricità e gas, canone Rai, rottamazione cartelle esattoriali, problemi con finanziarie e mutui.
Non si contano, invece, – continua Cangini – le risposte e i consigli forniti quotidianamente al telefono o via mail. Si tratta perlopiù di persone anziane cui è stata carpita la buona fede e che vogliono annullare contratti telefonici o acquisti conclusi fuori dai locali commerciali. Sono numerosi, infine, i consumatori che chiedono informazioni e supporto».

Una della vertenze che più sta impegnando gli operatori di Adiconsum Emilia Centrale è la nota vicenda dei diamanti da investimento proposti da alcune banche.
Sono 200 e hanno investito complessivamente 2,6 milioni di euro i consumatori modenesi e reggiani assistiti da Adiconsum, che il 13 maggio, insieme alle principali associazioni di consumatori, incontrerà i vertici del Banco Bpm, con il quale è aperto il tavolo di conciliazione.

«Ricordando che è ancora possibile chiedere la restituzione dei diamanti, invitiamo tutti gli interessati a rivolgersi ai nostri uffici o ai propri legali di fiducia. Adiconsum Emilia Centrale – conclude Cangini – mette a disposizione dei consumatori coinvolti nella vicenda i propri legali per la consulenza e l’eventuale redazione delle istanze».

Articolo precedenteA1 Direttissima: chiusura notturna tratto tra La Quercia e Aglio
Articolo successivoA14 Bologna-Taranto: chiusura per cinque notti della stazione di Rimini nord