Home Regione Rubertelli e Montalti i rappresentanti dell’Emilia-Romagna per il Notariato italiano

Rubertelli e Montalti i rappresentanti dell’Emilia-Romagna per il Notariato italiano

Sono Valentina Rubertelli e Giuseppe Montalti i due rappresentanti dell’Emilia-Romagna ai vertici dei notai d’Italia: la notaia in Reggio-Emilia e il notaio in Bologna sono stati infatti eletti rispettivamente al Consiglio Nazionale del Notariato e alla Cassa Nazionale del Notariato.

Figlia di padre medico e madre insegnante, Valentina Rubertelli rinnova così, con questa seconda conferma, il suo percorso nazionale, iniziato nel triennio precedente.

Anche nel corso di questo nuovo mandato, quest’ultima intende perseguire l’idea di un notariato capace di guardare all’innovazione, anche tecnologica, per essere sempre al passo con i tempi, e, insieme, di non disperdere le radici più sane della professione, ovvero la pubblica funzione, la prossimità al territorio, la terzietà e la tutela dei cittadini più deboli.

Spiega Rubertelli: “Oltre che un ruolo antigiurisdizionale e di prevenzione delle liti la cui difesa legale avrebbe costi tali da essere negata proprio alle fasce più deboli della popolazione, il Notaio svolge da sempre anche un ruolo sociale in una duplice accezione. Da un lato quella di raccogliere le istanze dal basso, svolgendo quotidianamente sul territorio, nell’ambito dei 5500 studi sparsi in Italia, l’indagine della volontà delle parti, per poi tradurla in prassi negoziali virtuose volte a supplire eventuali carenze normative. Dall’altro veicolando tali prassi negoziali alla politica, sotto forma di proposte normative, grazie all’elevato range di preparazione tecnico-giuridica di cui il Notariato e la sua Fondazione di Studi sono tradizionalmente muniti”.

Nato a Rimini, Giuseppe Montalti esercita, fin dal 1984, la sua funzione nella sede di Bologna. È stato a lungo membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Sindacale dei Notai Dell’Emilia Romagna – Aldo Dalla Rovere, in seno al quale ha ricoperto le cariche di Segretario, di Tesoriere, Vice Presidente e Presidente.  Dal 1982 al 1995 è stato docente presso la Scuola di Notariato Rolandino Passaggeri, cessando unicamente a seguito dell’assunzione della carica, ricoperta fino al 1997, di membro della Giunta Esecutiva e Vice presidente di Federnotai (Federazione italiana delle Associazioni sindacali notarili). È stato responsabile, per il Consiglio Nazionale del Notariato, dalla sua istituzione avvenuta nel 1999 alla sua cessazione avvenuta nel 2003, dell’Ufficio Locale Sinistri per la Regione Emilia Romagna. Dal febbraio 2004 al febbraio 2010 è stato componente del Consiglio di Amministrazione della Cassa Nazionale del Notariato, in seno al quale gli è stata attribuita la carica di Segretario. Dal 2004 al 2010 ha inoltre ricoperto la carica di Consigliere della Fondazione Italiana del Notariato. È stato componente del Consiglio Notarile di Bologna dal febbraio 1996 al febbraio 2002, e lo è tuttora, dal febbraio 2013.

“L’equilibrio dei conti e la sostenibilità dell’Ente previdenziale restano l’obiettivo da preservare – commenta Giuseppe Montalti – nel rispetto dei principi di mutualità che da sempre contraddistinguono la Cassa Nazionale del Notariato.

Il tutto senza dimenticare che occorre cercare spazi per diminuire la contribuzione resa ancora più onerosa dalla contrazione del lavoro registrata nell’ultimo decennio.”

Per ulteriori informazioni consultare il sito internet www.notariato.it e la pagina Facebook Notai dell’Emilia-Romagna.

Articolo precedente“Emilia-Romagna. Una Regione coi dentelli”: il racconto della regione in una raccolta di 450 francobolli
Articolo successivoApprovato a Strasburgo nuovo Regolamento Europeo dei fertilizzanti