Home Bassa reggiana Retata dell’Arma nelle strade della Bassa reggiana: 8 denunce

Retata dell’Arma nelle strade della Bassa reggiana: 8 denunce

Allarme sicurezza sulle strade della bassa reggiana. La conferma arriva dall’esito dell’ennesima attività di controlli operati dai carabinieri della Compagnia di Guastalla che ha portato alla denuncia di 8 conducenti. Le accuse spaziano dalla violazione di sigilli alla circolazione di veicoli sottoposti a sequestro alla guida senza patente ed in stato d’ebbrezza, passando anche per pesanti sanzioni amministrative come il sequestro e la maxi multa per chi è stato sorpreso condurre veicoli sprovvisti dell’assicurazione obbligatoria.

 

A finire nei guai 8 conducenti: una 48enne di Cadelbosco Sopra, un 30enne di Correggio e un 24enne di Campegine sono stati sorpresi alla guida dei rispettivi veicoli dopo aver fatto uso smodato di sostanze alcoliche: i tre sono stati tutti denunciati per guida in stato d’ebbrezza (per loro immediato ritiro della patente di guida). Una bolognese 27enne è stata denunciata alla Procura reggiana per guida senza patente in quanto mai conseguita; un 35enne abitante a Guastalla è stato denunciato per violazione di sigilli, avendo permesso la circolazione dell’autovettura che aveva in affidamento dopo che gli era stata sequestrata in quanto sprovvista di assicurazione. Un 20enne di Novellara, una 30enne di Gualtieri e una 29enne marocchino abitante a Gualtieri sono stati sorpresi rispettivamente con 2 grammi di hascisc ciascuno: trattandosi di detenzione per uso personale non terapeutico i tre conducenti verranno segnalati alla Prefettura reggiana che sulla scorta del rapporto stilato dai carabinieri potrà loro ritirare per la sospensione i rispettivi documenti di guida ed espatrio posseduti.

Questo è il bilancio dei serrati controlli stradali e del territorio eseguiti dai carabinieri della Compagnia di Guastalla con il fine di garantire maggior sicurezza sulle strade. In tutto i Carabinieri hanno controllato 215 persone e 196 tra automezzi e motocicli nei posti di blocco e di controllo eseguiti nelle arterie stradali di maggior traffico dove hanno proceduto anche alla contestazione di alcune contravvenzioni al codice della strada in prevalenza per violazioni delle norme di sicurezza stradale.