Home Cronaca Ricettatore 2.0 correggese denunciato dai carabinieri

Ricettatore 2.0 correggese denunciato dai carabinieri

Un  “ricettatore 2.0” si insidiava nei più noti siti dell’e-commerce e, grazie a mirate inserzioni, riusciva a piazzare la refurtiva. A scoprirlo i carabinieri della stazione di Correggio nell’ambito di un attività di indagine svolta con accertamenti sul web e proseguita con una perquisizione domiciliare a carico dell’indagato scoperto ricettatore. Con l’accusa di ricettazione i carabinieri della stazione di Correggio hanno denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia il 27enne disoccupato correggese in relazione al possesso ed alla messa in vendita – tramite un sito internet – di una motosega provento di un furto aggravato in abitazione commesso il 17 novembre scorso in una casa di Correggio.

Ma non è tutto: durante la perquisizione domiciliare i carabinieri nell’abitazione del 27enne hanno rinvenuta anche alcuni treni di pneumatici e televisori a led di vari pollici – in attesa di essere piazzati co vendita sul web – la cui probabile provenienza furtiva è ancora all’esatto vaglio degli stessi militari dell’Arma.

Imbattendosi per caso nel bando di vendita on-line, l’originario proprietario – un cittadino di Correggio – ha riconosciuto la motosega che gli era stata rubate durante un furto in abitazione lo scorso 17 novembre ed ha immediatamente segnalato il fatto ai carabinieri del paese. I militari, a questo punto, dopo aver svolto una serie di indagini telematiche per risalire all’identità di chi aveva inserito l’annuncio, hanno segnalato la condotta delittuosa alla Procura reggiana che concordando con le risultanze investigative dei carabinieri  ha emesso un decreto di perquisizione locale nei confronti dell’indagato. I militari ricevuto il provvedimento vi hanno dato esecuzione procedendo alla perquisizione presso l’abitazione del 27enne, così rinvenendo non solo la motosega rubata ma anche due treni di pneumatici e tre televisori a led di provenienza furtiva pronti ad essere messi in vendita online. La motosega è stata restituita all’avente diritto, mentre i pneumatici e i televisori sono stati sequestrati in attesa di essere restituiti ai derubati che i carabinieri adesso stanno cercando di rintracciare. Le indagini stanno ancora proseguendo per verificare l’eventuale complicità del ricettatore nel furto ovvero i passaggi di mano che hanno seguito la refurtiva prima di essere messe in vendita on-line.